Caserta: 19enne colpita da un proiettile all’addome durante i botti

Durante i tradizionali botti di Capodanno, a Caserta una 19enne è stata colpita all’addome da un proiettile vacante: ricoverata in codice rosso.

Come ogni anno, anche in questo 2020 il primo giorno dell’anno si fa un bilancio delle vittime e dei feriti a causa dei botti. Si tratta di un vero e proprio bollettino di guerra, basti pensare che nella sola Napoli sono stati registrati 48 feriti (nessuno grave) 9 in più rispetto allo scorso anno. Tra questi ci sono alcuni minorenni, ma anche persone anziane colpite da petardi esplosi in vicinanza delle loro abitazioni, o vittime di petardi che sono esplosi prima del dovuto.

Leggi anche ->Botti Capodanno | 48 feriti a Napoli | gravi incidenti a Bari e Milano

I casi più gravi si sono verificati, però, in altre parti d’Italia. In provincia di Bari, a Canosa di Puglia, un ragazzo ha perso l’uso di un occhio dopo un’esplosione. A Milano, invece, un altro giovane ha perso alcune dita di una mano mentre curava uno spettacolo pirotecnico nel parcheggio di una piscina.

Leggi anche ->Botti Capodanno | “Non sparate vicino ai cani” | picchiata a Parma

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Botti di Capodanno, Caserta: 19enne colpita da un proiettile vacante

Tra le pessime abitudini (tra l’altro illegale) che si ripetono ogni anno durante i festeggiamenti per l’arrivo di un nuovo anno, c’è quella di sparare colpi di pistola in aria. I proiettili, infatti, nella fase di ricaduta possono colpire qualche passante e causarne la morte. A Caserta la notte scorsa un proiettile vacante ha colpito al ventre una ragazza di 19 anni. La giovane è stata portata in codice rosso al Pronto Soccorso dell’ospedale di Aversa. Per fortuna la malcapitata vittima adesso è fuori pericolo.

Leggi anche ->Stasera in tv – Concerto di Capodanno, le anticipazioni del primo gennaio

botti capodanno feriti