Zlatan Ibrahimovic, gli strani auguri di Natale mandano in tilt i rossoneri

Zlatan IbrahimovicIl fuoriclasse svedese Zlatan Ibrahimovic ha postato un’enigmatica cartolina d’auguri sui social che ha fatto letteralmente impazzire i tifosi del Milan.

Già da novembre si parla di un possibile approdo a Milano di Zlatan Ibrahimovic. L’attaccante svedese ha confidato in estate di voler tornare in un campionato più competitivo della Major League Soccer e gli indizi lasciano intuire che si voglia tornare proprio in Serie A. Prima il commissario della lega calcistica usa e poi anche altre persone informate hanno suggerito che c’è già un accordo tra lui ed il Milan, e lo stesso calciatore in un’intervista a dato ad intendere che tornerebbe volentieri tra i rossoneri.

Ad inizio dicembre, dunque, c’era ottimismo tra i tifosi rossoneri sul ritorno di Zlatan, ma per il momento non c’è stato alcun comunicato ufficiale e si teme che l’affare possa essere saltato. In ogni caso lo svedese da solo non risolverebbe i problemi di un Milan che appare la copia sbiadita di quello dello scorso anno e che ha chiuso il 2019 con una cocente ed umiliante sconfitta contro l’Atalanta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche -> Milan, “sorpresa” Ibrahimovic sotto l’albero? Ecco la verità

Gli auguri di Ibrahimovic mandano in tilt i tifosi rossoneri

Ad acuire il timore dei tifosi che l’affare salti sono stati anche gli auguri dello svedese. Il calciatore infatti ha postato la foto di un leone sdraiato che alza il “dito medio” verso l’osservatore. Vi chiederete cosa c’entri con il ritorno a Milano, ebbene con un po’ di fantasia ci si può arrivare. Una dei gruppi ultrà più significativi del club rossonero è la “Fossa dei Leoni“. Se Ibra abbia voluto giocare con questo, potrebbe significare che da membro della fossa dei leoni manda a quel paese gli avversari, ma anche che non accetterà la proposta del Milan. Alcuni tifosi propendono per quest’ultima interpretazione e scrivono “Vuol dire che non viene” oppure “Sta mandando a quel paese la nostra dirigenza”.