Allerta Botti di Capodanno: Primi Feriti, Ordinanze, Sequestri

Lanciata in questi giorni l’allerta per i cosiddetti Botti di Capodanno: ci sono già i primi Feriti, Ordinanze diramate e Sequestri.

(screenshot video)

Si ripropongono le annose polemiche riguardanti i botti di Capodanno, a pochi giorni dalla notte di San Silvestro. In molte parti del Paese, tanti comuni firmano ordinanze per vietarne l’utilizzo, ma spesso queste sembrano davvero inutili. Sembra infatti che nessuno voglia rinunciare a questa pratica che oltre a essere pericolosa potenzialmente per chi li utilizza, è dannosa per gli animali.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le prime conseguenze dei Botti di Capodanno

Si registra già un ferito: si tratta di un anziano di 80 anni di Macerata, che stava provando il funzionamento di alcuni petardi, pare acquistati l’anno prima, quando uno di questi è esploso. L’anziano ha così perso tre dita della mano. Intanto, la Polizia Locale di Bari ha sequestrato 15 chili di petardi illegali, tra i quartieri Libertà, Carrassi-San Pasquale, Picone- Poggiofranco e Japigia. Si tratta di batterie di fuochi pirotecnici, prive della licenza di Pubblica Sicurezza per la commercializzazione, ma anche di ordigni rudimentali.

Vengono infine firmate le prime ordinanze dei sindaci. Il primo cittadino di Cagliari, Paolo Truzzu, ha vietato botti, bottiglie in vetro e l’abbandono dei rifiuti. In particolare, “è vietato detenere, cedere a qualsiasi titolo petardi, botti, razzi e in genere artifici contenenti miscele detonanti ed esplodenti e di bombolette contenenti sostanze urticanti”. Controlli a tappeto vengono affrontati dalla Polizia Locale in tutta Italia: decine i controlli nella sola Formigine, in provincia di Modena. Da Firenze, sul tema di difesa degli animali dai botti, arriva addirittura un vero e proprio decalogo.