Taranto, bomba esplode in centro e distrugge un bar

Attentato a Taranto ai danni dei proprietari di un bar: un ordigno è stato piazzato e fatto esplodere davanti alla saracinesca dell’esercizio.

I lavori di ristrutturazione si erano appena conclusi ed al termine delle festività natalizie i proprietari del bar in via Umbria, a Taranto, avrebbero inaugurato la nuova attività. Un progetto di rinnovo che era costato impegno e sacrifici e che, in una sola notte, è stato vanificato da un attentato mirato. Ieri notte, infatti, alcune persone hanno posizionato di fronte alla saracinesca dell’esercizio un ordigno artigianale e dopo essersi allontanati a sufficienza lo hanno fatto esplodere.

La deflagrazione della bomba ha letteralmente divelto la saracinesca e distrutto tutta la struttura del bar. Gli effetti dell’esplosione si sono riversati anche sul marciapiede, parzialmente distrutto, e sulle auto parcheggiate in prossimità del bar, anch’esse gravemente danneggiate dall’esplosione.

Leggi anche -> Bomba a Brindisi, oggi l’evacuazione più grande della storia italiana

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bomba esplode a Taranto, distrutto un bar appena ristrutturato

L’esplosione ha allertato gli abitanti della zona che hanno immediatamente chiamato le forze dell’ordine ed i vigili del fuoco. Le fiamme generate dall’esplosione sono state domate in poco tempo e la zona è stata messa in sicurezza, dopo il controllo di possibili fughe di gas che avrebbero causato ulteriori esplosioni. Adesso si investiga per capire chi sono gli autori dell’attacco e quali siano le loro motivazioni. Per l’identificazione dei colpevoli saranno visionate le telecamere di sicurezza della zona.

Per  quanto riguarda il movente ancora non è stata avanzata alcuna ipotesi, anche se le modalità dell’accaduto lasciano pensare ad un’intimidazione di stampo mafioso. A tal proposito verranno interrogato i proprietari dell’esercizio, per scoprire se nei mesi passati avessero subito minacce o pressioni per pagare il pizzo.