Capitan Tsubasa: cosa sapere sulla vera storia di Holly & Benji

Capitan Tsubasa, perché venne tradotto così: cosa sapere sulla vera storia di Holly & Benji, la nuova sigla di Cristina D’Avena, curiosità.

Divenuta la serie animata cult sul calcio tra gli anni Ottanta e Novanta, torna in Italia la nuova stagione, in 52 puntate dal lunedì al sabato alle 13.45 su Italia 1, di Capitan Tsubasa. La serie è famosa nel nostro Paese con il titolo di Holly e Benji – Due fuoriclasse. La prima puntata venne trasmessa oltre trent’anni fa, il 19 luglio 1986.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Perché Capitan Tsubasa venne tradotto come Holly & Benji

I due personaggi principali della serie animata, tratta dal manga originale, ideato e scritto nel 1981 da Yoichi Takahashi, sono Tsubasa Ozora e Genzo Wakabayashi. In Italia questi vennero tradotti come Oliver Hutton e Benjamin Price, o più semplicemente come Holly e Benji. I due personaggi, così come gli altri personaggi di contorno, ebbero un successo incredibile nel nostro Paese.

Ma tutti i nomi vennero cambiati: Tom Becker era in realtà Misaki Taro e Mark Lenders si chiamava nell’originale Hyuga Kojiro. Cosa c’è dietro questa scelta? Bisogna chiarire che non si tratta di una scelta ‘inedita’, ma che in Italia le reti Fininvest erano solite modificare i nomi dei personaggi dei manga giapponesi. Nella loro policy, bisognava italianizzare o inglesizzare i nomi giapponesi. Va detto che in altri Paesi, come la Francia, venne seguito l’esempio italiano. Inoltre, va aggiunto che questa pratica non è di fatto più in uso.

La nuova sigla di Capitan Tsubasa: canta Cristina D’Avena

Dunque, la nuova serie del manga trasmessa da Italia 1 a partire dal 23 dicembre si chiama semplicemente Capitan Tsubasa, come nella versione originale. La storia riprende di fatto dall’inizio ovvero dal trasferimento del protagonista nella cittadina di Nankatsu, luogo in cui ha inizio la sua carriera calcistica. In sostanza la nuova serie è di fatto il remake delle precedenti, ‘condensata’ in 52 puntate.

Trasmessa per la prima volta in Giappone ad aprile dello scorso anno, vede la ‘partecipazione’ anche di personaggi reali come l’ex terzino dell’Inter, Yuto Nagatomo. La sigla della nuova serie è cantata da Cristina D’Avena, icona della musica per i ragazzi. Il nuovo brano si chiama “Tutta d’un fiato (fino al fischio finale)” ed è edito da R.T.I., disponibile da venerdì 20 dicembre in tutti gli store digitali. Rappresenta la continuazione del sodalizio artistico tra la cantante e le reti Mediaset.