Aereo precipita in Venezuela: 9 le vittime tra cui due imprenditori indagati

Un aereo ultraleggero è precipitato nel corso della notte in Venezuela: il bilancio è di 9 vittime, tra quelle identificate due imprenditori indagati  e due modelle.

In Venezuela s’indaga sul tragico incidente aereo che ha visto precipitare un ultraleggero appena decollato dall’aeroporto di Caracas. Al momento, infatti, non è chiara la dinamica dell’accaduto: secondo una prima ricostruzione fornita dai media locali il King Air 100 con matricola YV-1104 è partito dall’Oscar Machado Zuluoaga, situato a Charallave, nello stato di Miranda, senza alcun problema. Durante il tragitto però ha perso quota e si è andato a schiantare, a sole 5 miglia nautiche di distanza dall’aeroporto.

A bordo dell’ultraleggero c’erano 9 persone, due piloti e 7 passeggeri, tutte quante morte nello schianto. Le autorità sono giunte sul luogo per controllare se ci fossero dei sopravvissuti e recuperare le salme delle vittime. In seguito si sono soffermate per fare i rilevamenti del caso e poter ricostruire la dinamica dell’incidente. Importante sarà il ritrovamento della scatola nera.

Leggi anche – > Incidente aereo, incendio in volo: 13 morti 3 feriti e atterraggio d’emergenza – VIDEO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Aereo precipita in Venezuela, procuratore condanna l’esultanza sul web

Nelle scorse ore sono emersi i primi dettagli sulle vittime dell’incidente. A bordo c’erano due modelle molto conosciute nel Paese Sudamericano, Ana Fois e Alejandra Contreras, e due imprenditori invischiati in affari illeciti. Uno di questi, Mariano Dias Ramirez, è indagato per speculazione: pare facesse parte della “banda dei nani”, un gruppo d’imprenditori diventati miliardari durante la crisi economica. L’altro, Humberto Vivanco, era indagato per casi di corruzione.

La notizia del loro decesso ha generato una serie di commenti cinici da parte del popolo venezuelano che il Procuratore a capo dell’indagine, Tarek William Saab, ha condannato apertamente: “Voglio esprimere le mie condoglianze a familiari e amici, passando oltre la ‘necrofilia’ che si vede su internet, dove si festeggia per i morti”. Per quanto riguarda l’incidente, invece, non ha voluto fare ipotesi.