Caso Gregoretti, Salvini fiducioso: “Conto di passare il 2020 a piede libero”

Caso Gregoretti, Salvini rischia fino a 15 anniIl governo discuterà l’autorizzazione a procedere sul caso Gregoretti, Matteo Salvini però non si mostra preoccupato del possibile processo.

Qualche giorno fa si è appreso che il Tribunale dei Ministri ha inserito Matteo Salvini sul registro degli indagati per il caso della Nave Gregoretti. A luglio scorso 131 migranti salvati nel Mediterraneo vennero trattenuti a bordo della nave per molto tempo. L’allora ministro dell’Interno è stato accusato di sequestro di persona ed ora corre il rischio di andare a processo ed essere condannato a 15 anni di reclusione.

Ad annunciare la nuova indagine a suo carico è stato lo stesso ministro dichiarando: “Rischio fino a 15 anni di carcere. Ritengo che sia una vergogna che un ministro venga processato per aver fatto l’interesse del suo Paese”. Allo stesso tempo si augurava che gli ex alleati di governo prendessero una decisione simile a quella presa per il caso Diciotti, quando hanno opposto il veto a procedere.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Caso Gregoretti, Salvini: “Conto di essere libero”

L’iter che porterà alla votazione dell’autorizzazione a procedere inizia proprio oggi, un procedimento che durerà 30 giorni e che poi dovrà essere discusso per altri 60 in parlamento. Tra 90 giorni, dunque, dovrebbe conoscersi la decisione definitiva del governo sulla concessione o meno del processo ai danni dell’ex ministro dell’interno. Intanto Di Maio, intervistato a riguardo ha dichiarato: “Qui non si tratta di fare o no un favore a qualcuno. Noi a gennaio o febbraio di quest’anno saremo chiamati a riconoscere l’interesse pubblico prevalente a bloccare una nave; ma stiamo parlando di una nave bloccata a luglio quando gli altri paesi europei che venivano chiamati si offrivano per la redistribuzione dei Migranti“.

Insomma con queste parole il leader pentastellato fa capire che la posizione del movimento sull’autorizzazione a procedere potrebbe essere contraria a quella espressa nel 2019. Proprio sulla possibilità che gli ex alleati lo espongano al rischio del processo, poco fa Salvini ha dichiarato: “Conto di trascorrere il 2020 a piede libero. Domattina voglio guardare in faccia quelli con cui abbiamo condiviso scelte di governo ed oggi hanno cambiato idea”.