Medico sotto accusa, diagnosi false di cancro su bambini per fare soldi

Un medico privo del tutto di onestà e di deontologia professionale compie un illecito gravissimo creando dei casi di malasanità per fortuna scoperti.

malasanità
Grave caso di malasanità con protagonista un medico infedele FOTO Mirror

Un grave caso di malasanità provocato da un medico infedele viene alla luce in questi giorni. Un professionista, del tutto privo di scrupoli, ha mentito a diversi genitori, dicendo loro che i figli erano malati di cancro. Questo per spaventarli ed indurli a pagare cure tanto costose quanto assolutamente non necessarie alla sua compagnia privata. Lui si chiama Mina Chowdhury, è di origini indiane ed un report conferma come abbia volutamente effettuato delle diagnosi errate su tre bambini. Per questi ultimi ha raccomandato scansioni e test collegati alla sua società, che versava in difficoltà economiche. Era la Meras Healthcare di Glasgow, in Scozia. In un caso il medico infedele aveva detto ad una mamma che il suo bambino di due anni poteva avere un tumore al sangue, suggerendole di sottoporlo a trattamento speciale a Londra.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Malasanità, medico stila falsi report di malattie gravi

Infatti a suo dire nessun ospedale in Scozia avrebbe potuto eseguire un ecocardiogramma su un bambino. In un secondo caso, ha detto ai genitori di una bimba di soli 15 mesi che la piccola stava soffrendo di un sarcoma dei tessuti molli. Ed il dottore in questione aveva consigliato sempre ai genitori finiti nelle sue grinfie che uno specialista a Londra avrebbe potuto organizzare una ecografia, una risonanza magnetica ed una biopsia in pochi giorni. Lo fa sapere il Medical Practitioners Tribunal Service (MPTS). Ma non finisce qui. Alla mamma di una ragazza adolescente questo personaggio aveva detto di avere riscontrato nella giovane un neuroblastoma nello stomaco che, se non trattato, avrebbe potuto diffondersi. Consigliano anche in questo caso l’inevitabile viaggio a Londra per effettuare degli approfonditi esami del sangue.

“Lo ha fatto per interessi economici ed in totale disonestà”

Dopo aver ascoltato le prove in merito a questa faccenda di malasanità, il MPTS ha stabilito che il pediatra ha creato “un senso di preoccupazione ingiustificato, mostrando una evidente condotta disonesta e motivata da interessi economici”. L’attività della sua clinica era in rosso e sottoposta a delle pressioni finanziarie. Chowdhury non ha indirizzato i pazienti pediatrici al dipartimento locale di oncologia pediatrica, un ente pubblico. Li ha invece mandati subito verso l’assistenza privata, con la scusa di potere evitare così lunghe attese. Inoltre i privati disponevano di macchinari ed attrezzature altrimenti non usufruibili, a suo dire.

Ora rischia la radiazione dall’Albo

E come se non bastasse Chowdhury ha anche modificato le note mediche. Tutto questo è avvenuto tra marzo ed agosto del 2017. Interrogato in merito alla controversa faccenda ad ottobre scorso, l’uomo ha negato ogni accusa a suo carico. La questione resta aperta, con un panel che deciderà ora se la sua capacità di esercitare la professione di medico risulta “compromessa” a causa di cattiva condotta. In caso di riconosciuta colpevolezza sembra certa per questo individuo la radiazione dall’Ordine dei medici.