Colpito con un pugno alla festa di Natale: addio al 52enne “gigante buono”

E’ stato ucciso con un singolo pugno quando meno se lo aspettava, durante una festa di Natale, sotto gli occhi attoniti della moglie. 

Vaughan Edwards, 52 anni, è stato buttato a terra con un pugno nel bel mezzo di quella che doveva essere un’allegra festa di Natale, sotto gli occhi terrorizzati di sua moglie Christine, 57 anni. E’ successo a Llanelli, nel Galles del Sud, nel 2017.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il pugno a tradimento costato la vita a Vaughan Edwards

Vaughan Edwards, detto anche il “gigante buono”, è morto quattro settimane dopo l’aggressione per mano di David Jenkins, un operaio 38 anni condannato a cinque anni e tre mesi di reclusione dal giudice Keith Thomas alla Swansea Crown Court per il suo folle gesto. “Il periodo natalizio era il suo preferito – ha raccontato la moglie Christine -. Aveva fatto di tutto per assicurarsi che trascorressimo un giorno perfetto”. E invece, ironia della sorte, la festa si è trasformata in un incubo.

“È stato orrendo – ha proseguito Christine -. È caduto a terra e non è più riuscito a rialzarsi. Ho detto a mia figlia Emma ‘se n’è andato’, lo sapevo. Era un uomo alto e forte, non riuscivo a credere che fosse capitato proprio a lui. Il Natale non sarà mai più lo stesso, niente sarà mai più come prima per noi”. Christine ora sostiene la campagna “Just Walk Away” promossa dalla Polizia con l’obiettivo di contrastare le aggressioni legate al consumo di alcol. “Voglio che le persone sappiano che brava persona fosse – conclude -. Il nostro mondo è stato capovolto”.

EDS