Fiorello, la confessione choc sulla droga: “Non ce la facevo più”

I villaggi turistici, la Milano anni ’90, oltre naturalmente al Karaoke e all’Edicola Fiore: c’è tutto questo nella lunghissima intervista che Fiorello ha concesso qualche tempo fa al Fatto Quotidiano. Il famoso showman ha parlato delle sue origini, della sua famiglia e della sua carriera, ma anche dei suoi demoni, tornando ai giorni della dipendenza dalla cocaina.

Leggi anche –> Moglie di Fiorello, chi è Susanna Biondo: età, foto, vita privata, lavoro

Fiorello ha dichiarato che non avrebbe saputo che dire sugli anni ’90 “perché ero sempre all’Hollywood”, la celebre discoteca di Milan. “Se in quel periodo ci fossero stati i cellulari, oggi non sarei qui. Sarei stato gettato in pasto ai social e sputtanato”, ha ammesso. “Lì per lì mi sono anche divertito, però a un certo punto avere la testa per concentrarmi su quello che dovevo fare risultò impossibile. Lì l’unica cosa che veramente non vedevamo l’ora di fare era uscire la sera”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il tremendo segreto di Fiorello

“Pensavo di essere felice e in realtà ero un pupazzo”. Parole sempre di Fiorello. “L’ho detto perché è vero – conferma -. Sono diventato famoso in due settimane e non ci ho capito più niente. Dai vizi mi salvò il ricordo di mio padre. Sono un cretino – mi sono detto – che cazzo sto facendo?”.

Solo anni dopo aver superato la dipendenza, però, ammise di aver fatto uso di cocaina: “Non ce la facevo ad andare avanti con quello scheletro nell’armadio e dovevo levarmi il peso. Mia madre si dispiacque tanto, anche per la vergogna, ma io volevo che tutti sapessero ogni cosa e che il passato fosse un libro aperto”. “Come si esce dai vizi non so dirlo – conclude Fiorello – perché io ce l’ho fatta da solo e ognuno è fatto a modo suo”.