Home News Boris Johnson, chi è il neo primo ministro della Gran Bretagna

Boris Johnson, chi è il neo primo ministro della Gran Bretagna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:41
CONDIVIDI

Prima ancora che lo scrutinio sia terminato, Boris Johnson ha ottenuto più della metà dei seggi utili a governare, scopriamo chi è il primo ministro inglese.

Quella di oggi è una data importante per la Gran Bretagna e per tutta l’Europa. Le elezioni politiche inglesi hanno confermato la voglia dei cittadini inglesi di separarsi economicamente dall’Unione Europea, votando in massa il partito dei conservatori di Boris Johnson. La sconfitta dei progressisti è cocente visto che prima ancora che i seggi siano stati assegnati i Tory ne hanno conseguiti 345 su 650, quando per governare nel basterebbe la metà +1 (326).

Una debacle storica per i Labouristi, visto che è addirittura dal 1935 che non ottenevano una sconfitta così schiacciante. Il risultato delle urne dimostra come la Brexit, votata dalla metà degli inglesi, non sia stata scelta casualmente, ma è proprio l’indirizzo economico che la popolazione britannica vuole intraprendere. Solo in Scozia ha vinto il partito anti Brexit, lo stesso che continua a spingere l’idea di una secessione dall’Inghilterra per potersi accordare con l’Unione Europea. A salutare con entusiasmo la vittoria di Johnson è stato il presidente USA Donald Trump, il quale ha riproposto l’idea di un accordo economico esclusivo tra Stati Uniti e Gran Bretagna.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Boris Johnson

Boris Jhonson è un giornalista, scrittore e politico britannico di 55 anni che dal 22 luglio del 2019 è diventato leader del partito Conservatore e Unionista. Il giorno seguente, dopo che la Regina Elisabetta II ha accettato le dimissioni di Theresa May (incapace di trovare una soft Brexit) è diventato anche Primo Ministro ad interim della Gran Bretagna. Il suo ruolo è stato confermato dai voti alle urne delle scorse ore. Adesso il leader dei conservatori è intenzionato a portare a termine la Brexit, qualunque sia la conseguenza economica. A tendergli la mano è stato il presidente Usa, Donald Trump.