Home News Sgarbi sull’albero di Natale a Milano: “Preferisco Spelacchio, è tradizionale”

Sgarbi sull’albero di Natale a Milano: “Preferisco Spelacchio, è tradizionale”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:48
CONDIVIDI

Anche Vittorio Sgarbi dice la sua sugli alberi di Natale italiani: secondo il politico Spelacchio, albero romano, sarebbe il migliore poiché “tradizionale”.

(Fonte: Getty Images)

Quest’anno in centro di Piazza Duomo a Milano svetta un albero diverso dal solito: al posto del tradizionale albero è stata installata una enorme maglia metallica a forma di cono, alta 37 metri, ricoperta di luci a led a basso consumo energetico. Al contrario, a Roma è tornato Spelacchio: l’abete alto 22 metri che domina Pizza Venezia e tutta la città. Sulla pagina Facebook di “Leggo” è stato aperto un sondaggio per decidere quale dei due alberi sia il più bello di quest’anno: una sfida divertente che nelle ultime ore ha coinvolto migliaia di utenti del web. Al momento è il romano Spelacchio che pare si stia aggiudicando la maggioranza dei voti, quasi il doppio di quelli ricevuti dal “moderno” albero milanese. La gara, però, non è ancora finito.

Potrebbe interessarti anche –> Albero di Natale di Roma in Piazza Venezia: ecco Spelacchio, ironia del web

Vittorio Sgarbi sull’albero di Natale: “la gente vuole solo un simbolo che rappresenti la storia a cui appartiene”

(Fonte: Getty Images)

Anche Vittorio Sgarbi si è espresso in merito ai due alberi di Natale, assicurando che nonostante la sua antipatia per la sindaca Raggi, lui preferisce l’albero di Roma. Ha giustificato la scelta dicendo che Spelacchio è tradizionale, luminoso, in linea con l’immaginario natalizio nazionale. L’albero milanese, invece, è “una specie di siluro, una cosa che può stare bene in un luna park”. Poi Sgarbi ha tirato in ballo Matteo Salvini, che secondo lui  dovrebbe “intervenire per salvaguardare l’immagine della sua città”. Secondo Sgarbi “si crea dibattito perché ogni anno c’è qualcuno che si inventa qualcosa, ma invece la gente vuole solo un simbolo che rappresenti la storia a cui appartiene”. Poi un ultimo commento su Palazzo Chigi: “Quelli non hanno gli occhi per piangere, altro che albero… ma nel caso invece delle palle ci vedrei bene degli uccelli…”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!