Bollette luce e gas | con 4 figli non può pagare | ci pensa lo sconosciuto in fila

Bollette luce e gas FOTO viagginews
Bollette luce e gas FOTO viagginews

Un buon samaritano si accolla il debito per le bollette di luce e gas che gravava su di un padre di famiglia disoccupato, ed avanza anche una richiesta.

Un uomo non ha i soldi per pagare le bollette di luce e gas. È la triste storia di un padre di famiglia alle prese con enormi problemi finanziari. Senza un lavoro, con quattro figli da dover far crescere nel modo più dignitoso possibile, ad un certo punto questa persona si è vista staccare i servizi. La vicenda è avvenuta a Conselve, in provincia di Padova. Le pendenze in corso per il mancato versamento degli arretrati lo hanno lasciato senza gas e corrente elettrica.

L’uomo aveva chiesto inutilmente di potere ottenere una rateizzazione durante un consulto all’ufficio riscossioni della società Centro Veneto Energie (CVE). La stessa  gestisce varie utenze e fa capo ad Acquevenete, società pubblica di gestione degli acquedotti della provincia di Rovigo e di parte di quella di Padova, che è estranea alla vicenda. Il padre di famiglia aveva spiegato la drammaticità della sua situazione. Per via di pagamenti non saldati negli ultimi mesi, è scattato il taglio delle erogazioni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bollette luce e gas, benefattore paga per un papà insolvente

Alla richiesta di un pagamento rateale, è giunta una risposta data in maniera molto gentile ma anche inflessibile. “No, non si può”. Questo ha portato l’uomo a disperarsi. Per altro in maniera del tutto comprensibile. Così l’uomo non è riuscito a trattenere le proprie lacrime e si è allontanato in lacrime. Quanto accaduto però ha attirato l’attenzione di un’altra persona in coda. Si trattava di un signore la cui situazione era certamente migliore. Veniva subito dopo nella fila. Questi ha chiesto all’addetto allo sportello a quanto ammontasse il debito del papà disperato. Era di quasi 600 euro. Da quanto risulta il buon samaritano si è accollato questo pagamento ma avrebbe fornito una precisa richiesta. Ovvero di aspettare prima di farlo sapere al diretto interessato. E questo benefattore ha anche raccomandato che il poveretto possa riavere quanto prima gas e luce.