Catene da neve: come, quando, dove e perché vanno montate

Con l’arrivo dell’inverno, viaggiare in auto può diventare complicato se non si ha familiarità con le catene da neve. Ecco tutto quel che c’è da sapere al riguardo, con alcuni consigli per guidare più sicuri.

Per chi possiede un’automobile e deve mettersi in viaggio di inverno, le catene da neve sono un accessorio indispensabile. Eppure, non tutti hanno familiarità con questo strumento. Vediamo insieme come scegliere e usare le giuste catene da neve per guidare tranquilli anche nei mesi freddi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La catene da neve dalla A alla Z

Prima di acquistare le catene da neve e bisogna valutare attentamente le caratteristiche tecniche della propria vettura e i percorsi su cui dovranno essere utilizzate. Tutte le vetture che montano ruote di diametro compreso tra i 13″ ed i 17″ sono considerate “catenabili”, e dunque compatibili con qualsiasi tipologia di catene da neve. Nel caso di misure superiori, il problema è che manca lo spazio tra lo pneumatico, il parafango e le sospensioni, per cui è impossibile montare le catene. La soluzione sta nell’acquistare un kit a spessore ridotto da 7 mm, oppure un set da fissaggio esterno.

Va da sé che ogni tipologia di catene ha il suo prezzo, che varia in funzione di dimensioni, spessore, sistema di tensionamento utilizzato (automatico o manuale) e facilità di montaggio. Le meno costose (e le più vendute) sono le catene a Y, destinate a chi ne fa un uso sporadico (ma anche più difficili da montare e considerate un po’ datate): vanno dai 30 euro in su. Le catene a rombo, facili da montare e dunque adatte a chi viaggia spesso in inverno, sono le più diffuse e costano un po’ di più: il prezzo medio va dai 70 ai 90 euro. Le versioni autotensionanti, invece, superano i 100 euro, mentre le catene a ragno sono le più facili da montare, grazie al fissaggio diretto sul cerchio, e possono essere installate anche sulle vetture non catenabili senza alcuna manovra di assestamento: il loro prezzo va dai 150 agli oltre 500 euro.

Quando montare le catene da neve? Il Codice della Strada spiega chiaramente che ci deve essere uno strato di neve sull’asfalto che arrivi a toccare il fondo della vettura. L’obbligo scatta se c’è neve o ghiaccio sulla strada: spetta al singolo guidatore valutare la situazione. L’obbligo di portarle con sé, invece, è in vigore ogni anno fra il 15 novembre e il 15 aprile.

All’occorrenza, bisogna fermare la macchina, lasciando il volante in posizione neutra con le ruote dritte, prendere le catene, verificarne l’integrità e posizionarle una dietro ogni ruota, quindi alzarle e fissarle in cima alla ruota stessa collegando le due estremità del cavo di sostegno in plastica. Dopo di che si collegano le varie maglie di colore giallo per mezzo degli appositi gancetti in dotazione, fino a formare una cintura ottagonale intorno al cerchione. Quindi si prende in mano la porzione di catena rimasta (di solito di colore rosso) e la si fissa alla carrucola o all’occhiello presente all’altra estremità. Per smontarle, bisogna fermare la vettura in modo tale che la porzione di catena rossa stia nella parte inferiore dei pneumatici e ripetere la procedura di montaggio al contrario.

Da ricordare che le catene da neve non si montano su tutte le ruote, ma solo su quelle ruote motrici. Per quanto riguarda le auto a trazione integrale, si possono montare su tutti e quattro gli pneumatici o solo sull’asse che riceve la maggiore forza motrice (nel dubbio è meglio consultare il meccanico e il libretto di istruzioni). Dopo ogni utilizzo, infine, le catene da neve dovrebbero essere lavate con acqua tiepida per rimuovere detriti e tracce di sale che potrebbero rompere le maglie.

EDS