Inps | il presidente sta con le orfane |”Anche mia sorella uccisa come la loro madre”

inps
Cartella Inps da oltre centomila euro a due minorenni orfane FOTO viagginews

Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, fa sapere che le due minorenni rimaste orfane dopo un omicidio-suicidio non pagheranno i 124mila euro richiesti.

La vicenda del sollecito dell’Inps di 124mila euro alle due minorenni orfane dei loro genitori ha fatto molto discutere. Riguarda i coniugi Marco Loiola e Cristina Biagi, della provincia di Massa Carrara. Quest’ultima venne assassinata dal primo, suo ex marito, nel 2013. L’uomo poi ferì gravemente il presunto nuovo compagno della donna e poi commise suicidio. Le loro figlie, che ad oggi non hanno ancora raggiunto la maggiore età, in quanto eredi dirette sono state chiamate in causa dall’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale per far fronte alle spese addebitate alla loro famiglia. Ma Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, contattato da ‘Il Corriere della Sera’ per parlare di questa kafkiana vicenda, fa sapere che le due giovani riceveranno la massima tutela. “Si tratta di una storia paradossale, ma non si dica che l’Inps è una sanguisuga, non avremmo mai dato luogo a procedere con questo atto”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Inps, il presidente Tridico: “Accadde una tragedia simile anche a me”

Il presidente Tridico parla di “atto dovuto allo scopo di evitare la prescrizione. Ed anche la conseguente accusa di danni erariali per chi ha emesso la cartella. Questo comunque è un caso del quale ci stiamo occupando da tempo ed in più sedi. Quelle ragazze non avrebbero mai pagato tale cifra, e lo dico anche in nome di quanto capitato a me in passato. Hanno la mia massima comprensione”. Il presidente dell’Inps rivela infatti che, da giovanissimo, vide sua sorella morire, uccisa dalla violenza del marito. Avvenne quando la parola ‘femminicidio’ non esisteva ancora. Sono l’ultimo di sette fratelli e lei era la primogenita. Io ero solo un ragazzo, per me è stata una seconda mamma”.

Le due ragazze non pagheranno la somma richiesta

La richiesta di pagamento alle due minorenni riguarda nello specifico l’indennità di malattia e l’assegno di invalidità erogato all’uomo assalito dal loro padre, poi sopravvissuto, nonostante il suicida l’avesse centrato con sei colpi di pistola. Le giovani hanno ereditato la casa di famiglia, che però non basta a coprire la somma di 124mila euro richiesta.Il loro avvocato ha parlato di una “richiesta giusta ma immorale da parte dell’Inps”. Sul fatto si è voluto muovere in prima persona il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Ma le parole di Pasquale Tridico lasciano presagire ad un finale di vicenda più umano.