Home News Giovanni Arnoldi: chi è la vittima innocente della strage di Piazza Fontana

Giovanni Arnoldi: chi è la vittima innocente della strage di Piazza Fontana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:21
CONDIVIDI

Giovanni Arnoldi: chi è la vittima innocente della strage di Piazza Fontana. Agricoltore con la passione del cinema. Quando morì lasciò soli la giovane moglie e i suoi figli piccoli.
Giovanni Arnoldi

Nacque a Peschiera Borromeo nel 1927 Giovanni Arnoldi. E morì 42 anni dopo a Milano, vittima della strage di Piazza Fontana.

Giovanni Arnoldi: chi è una delle vittime della strage di Piazza Fontana

Giovanni nacque in una famiglia numerosa di agricoltori. Quattro le sorelle più grandi e uno il fratello più piccolo di lui. Di origini bergamasche il padre e milanesi la madre. A 15 anni visse un momento di grande difficoltà con la propria famiglia a causa della prematura scomparsa del padre a causa di incidente. La famiglia con grandi difficoltà tentò di portare avanti il lavoro dell’azienda di famiglia e nel contempo Giovanni nutrì per tutta la vita un grande hobby, il cinema. Alla fine degli anni Quaranta conobbe il grande amore della sua vita, Costantina Ferrari, che sposerà nel 1951.
Nel 1952 con la liquidazione della sua parte di azienda riuscì a dare vita al suo sogno, aprire un cinematografo. A Magherno, in provincia di Pavia, nacque così il Cinema Nuovo.
Nel 1954 venne alla luce il suo primo figlio, Carlo, oggi presidente dell’Associazione Piazza Fontana, e 7 anni dopo la secondogenita Giuseppina. In quegli anni Giovanni decise di prendere nuovamente in mano l’agricoltura, affittando una stalla e alcuni terreni e avviando una attività di compravendita di bestiame.

Fu proprio per chiudere un affare importante e per il quale era necessaria la sua presenza, che ricevette una telefonata con la quale un collega lo invitava a recarsi in piazza Fontana a Milano quel 12 dicembre del 1969. Giovanni aveva pensato di rimanere a casa a curare un principio di influenza, ma si decise di malavoglia ad andare, dopo aver ricevuto la telefonata. Quando esplose la bomba, Giovanni si trovava nel salone della Banca dell’Agricoltura e rimase coinvolto nella strage, morendo una mezz’ora più tardi, trasportato all’ospedale della città Fatebenefratelli. Lasciando così da soli la moglie Costantina di 39 anni, con i suoi figli di 15 e 8 anni.

Leggi tutte le notizie su Google News
Giovanni Arnoldi