Genitori violentano figlia | la piccola aveva solo 2 anni

Genitori violentano figlia
Genitori violentano figlia di 2 anni e compiono tanti altri crimini simili FOTO viagginews

Dei genitori violentano figlia di appena 2 anni e compiono diversi altri crimini di pedofilia. In tribunale è il raccapriccio più totale.

Due genitori violentano la figlia e per questo motivo trascorreranno il resto della loro vita in carcere. I colpevoli si chiamano Gerrad Coddington, di 25 anni, e Christina Nelson-Coddington, di 29 anni. Entrambi hanno ricevuto una condanna all’ergastolo per 29 reati di abusi su minori. Erano soliti ammanettare, picchiare e stuprare la loro bambina di soli 2 anni. Nei crimini loro attribuiti figurano incesto, abusi su minori, detenzione di materiale pedopornografico e molto altro. I due mostri vivevano in una città dell’Oklahoma, negli Stati Uniti, ed entrambi hanno anche ammesso di avere spesso fantasie che riguardavano un altro bambino che la donna aspettava e che non era ancora nato. Il procuratore generale Mike Hunter ha dichiarato di non aver mai visto un crimine peggiore di questo da quando è in carica.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Genitori violentano figlia, orrore in tribunale

“Questi due individui hanno commesso orribili atti di abuso e violenza con bambini innocenti. Genitori che violentano la figlia ed anche altri bimbi innocenti in questo modo non ne ho mai visti prima d’ora. Le azioni di questi due soggetti nei confronti dei bambini che sono stati sottoposti a questi atti orribili sono inconcepibili ed imperdonabili”. La requisitoria continua, e non è affatto tenera nei confronti dei due pedofili. “Queste sono persone malvagie che hanno rappresentato un pericolo per la società. Raccomando la decisione del giudice Edwards di ritenerle responsabili nella misura massima consentita dalla legge”.

Niente libertà condizionata per loro

La polizia aveva intercettato un indirizzo IP di Coddington attraverso il quale l’utente che ne usufruiva stava inviando materiale pedopornografico attraverso la piattaforma Messenger. Gli investigatori hanno trovato più di 6.000 pagine di “comunicazioni incriminanti” nei confronti della coppia. Tra le disposizioni prese dal giudice in tribunale figura l’impossibilità per l’uomo e la donna condannati di usufruire della libertà condizionata.

R. Kelly abusi