Home News Nathalie Caldonazzo e i suoi amori: “Ippoliti un film horror, ma Troisi…”

Nathalie Caldonazzo e i suoi amori: “Ippoliti un film horror, ma Troisi…”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:45
CONDIVIDI

Nathalie Caldonazzo si racconta a cuore aperto, dalla storia finita male con Andrea Ippoliti al grande amore con Massimo Troisi.

Andrea Ippoliti? Non lo voglio più vedere, è stato un film dell’orrore”. Non usa mezzi termini Nathalie Caldonazzo, oggi ospite a Vieni da me. L’ex concorrente di Temptation Island si è raccontata a cuore aperto salotto di Caterina Balivo, a partire appunto dalla storia (finita male) con Andrea Ippoliti, fino al grande e indimenticabile amore con Massimo Troisi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!

La confessione di Nathalie Caldonazzo

Quello con il suo ex Andrea Ippoliti è stato per Nathalie Caldonazzo un amore tossico. “È stata la delusione più grande della mia vita – ha confessato la Nostra -. Non pensavo di provare una sensazione da film horror. Una storia in cui credevo tantissimo, ho rinunciato al 90% di me stessa e mi sono ritrovata in una realtà scioccante”.

Nathalie Caldonazzo si è poi soffermata su un momento particolarmente doloroso della sua vita, quando Troisi fu ricoverato per un mese e mezzo in America e lei rimase accanto a lui in ospedale. “Fu ricoverato per un mese e mezzo, eravamo io e lui da soli in America, avevo 24 anni – ha ricordato l’attrice -. Chiamavo la famiglia ma alla fine nessuno venne per un motivo o per l’altro. Ci fu un’operazione di urgenza al cuore. Purtroppo non andò bene. Lui con quel pigiama bianco e gli occhioni spauriti mi faceva tenerezza, mi sembrava Pulcinella”.

Purtroppo le cure non sortirono l’effetto sperato. “I dottori mi dissero che l’operazione era andata malissimo e non sapevano nemmeno se ce l’avesse fatta a tornare in Italia – ha continuato Nathalie Caldonazzo -. Siamo tornati devastati, io pesavo 49 kg, lui forse un po’ di più. Decise di fare il Postino, film bellissimo. Però se non l’avesse fatto forse sarebbe ancora vivo perché prima doveva fare un trapianto. Con lui è stato amore puro”.

EDS