Home News Simona Izzo choc: “Ho bisogno di lavorare, non sono ricca: prendo solo...

Simona Izzo choc: “Ho bisogno di lavorare, non sono ricca: prendo solo 1000 euro al mese”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:45
CONDIVIDI

Simona Izzo choc: “Ho bisogno di lavorare, non sono ricca: prendo solo 1000 euro al mese”. 

Simona Izzo
Simona Izzo (screenshot video viagginews.com)

L’attrice e regista Simona Izzo, protagonista spesso anche in tv come ospite o concorrente di reality, intervistata dal settimanale Nuovo torna a parlare della sua situazione economica, un tema che già nelle scorse settimane ha scatenato molte polemiche e commenti quando aveva parlato della sua pensione.

Simona Izzo spiega: “Spesso la popolarità viene scambiata per ricchezza. Percepisco mille euro al mese e non c’è niente di cui vergognarsi. Non voglio essere compatita perché grazie a Dio non vivo solo di questo”. Viste le polemiche la Izzo fa qualche precisazione: “Non sono vittima di ingiustizia. Questa è la legge, magari è ingiusta e ci sarebbe una battaglia da fare. Un artista può anche guadagnare moltissimo, ma, siccome non lavora tutti i giorni, quando vengono fatti i calcoli della pensione quello che ha guadagnato viene distribuito secondo il numero delle sue giornate lavorative. Un commercialista o una segretaria prendono il doppio di me perché nel corso di un anno hanno lavorato tutti i giorni. Anche mio marito percepisce più o meno la mia stessa cifra”.

Simona Izzo risponde alle critiche e agli haters

La Izzo non accetta tutte le critiche ricevute: “Essere addirittura insultata per le mie dichiarazioni mi sembra un paradosso. I bulli del web odiano tutto, compreso il silenzio. Ho detto di aver partecipato al Grande Fratello Vip per poter aiutare i miei nipoti negli studi. Potevo stare zitta e dire che era una delle cose che mi piaceva di più, ma non è così. L’ho fatto per denaro e non perché adori stare in tv 24 ore su 24. Le mie passioni sono la scrittura e la regia, mestieri con i quali non arrivo a guadagnare certe cifre perché sono meno retribuiti di un reality. Dirlo in tv è stato un atto di sincerità”.