Home News Omicidio Luca Sacchi: spunta il ruolo di un finanziatore

Omicidio Luca Sacchi: spunta il ruolo di un finanziatore

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:54
CONDIVIDI

Omicidio Luca Sacchi: spunta il ruolo di un finanziatore, che avrebbe dato alla fidanzata e all’amico i 70mila euro per acquistare cocaina.

omicidio Luca Sacchi

Da dove provengono i 70mila euro che sarebbero dovuti servire all’acquisto di 15 chilogrammi di droga? Questo l’ultimo interrogativo che si pongono gli inquirenti sul caso dell’omicidio di Luca Sacchi, ucciso il 23 ottobre a Roma. I soldi erano in possesso di Anastasiya Kylemnyk, la fidanzata del giovane. Nella giornata di ieri, per lei è scattato l’obbligo di presentazione in caserma.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il ruolo del finanziatore nell’omicidio Luca Sacchi

luca sacchi

Ma davvero la ragazza e l’amico del ragazzo ucciso, Giovanni Princi, un giovane con precedenti penali, disponevano di quella cifra? Secondo fonti investigative, le cose non stanno così e sembra ci sia una terza persona coinvolta nella vicenda, quello che assume l’aspetto di un vero e proprio finanziatore. Questa è anche la convinzione dei pm della Procura di Roma.

Intanto, tornano a parlare i genitori di Luca Sacchi, per ribadire che il figlio è vittima incolpevole di questa vicenda: “Lui non c’entra assolutamente nulla con il mondo della droga. Anastasia ci ha mentito su quanto avvenuto quella tragica sera e adesso è chiaro il motivo del suo strano allontanamento”. Nonostante le illazioni e i sospetti, ieri anche il procuratore di Roma Giuseppe Prestipino ha precisato che non ci sono elementi per affermare che la vittima “fosse coinvolto, partecipe o consapevole della compravendita di sostanza stupefacente”.

omicidio Luca Sacchi