Home News Luca Barbareschi, chi è: età, vita privata e carriera dell’attore italiano

Luca Barbareschi, chi è: età, vita privata e carriera dell’attore italiano

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:26
CONDIVIDI

Luca Barbareschi è un celebre attore e produttore cinematografico italiano. Sveliamo gli esordi della sua carriera e alcune curiosità sulla vita privata.

Luca Barbareschi nasce a Montevideo, in Uruguay, nel 1956. Il giovane Luca cova sin dalla prima adolescenza una predisposizione per la recitazione, talento adiuvato dalla sua grande passione per il mondo del cinema e della televisione. Diventato celebre lungo gli anni Settanta, l’attore italiano ha spesso svelato alle grandi testate giornalistiche e reti televisive scandali legati alla sua vita infantile ed adolescenziale. La storia in parte tragica di Luca non è però motivo di sconforto: la tenacia e il coraggio sono infatti due grandi virtù dell’attore.

Luca Barbareschi, la vita privata

Luca ha avuto diverse relazioni importanti lungo il corso della sua vita. Primo fra tutti un flirt con la modella statunitense Naomi Campbell, alla quale è seguita una longeva storia d’amore con l’attrice Lucrezia Lante della Rovere, figlia della stilista Marina Ripa di Meana. Così ha raccontato la sua storia d’amore a Verissimo, a pochi giorni dalla scomparsa della stilista.

“E pensare che quando vivevo con Lucrezia, lei mi chiamava il ‘ceffo’. Perché quando madre e figlia litigavano, e faceva piangere Lucrezia, mi arrabbiavo e la minacciavo dicendo che se succede di nuovo, vengo da te e ti picchio.”

L’attuale compagna è Elena Rimorchio, che ha portato nella vita dell’attore una nuova aria di cambiamento. Luca ha sei figli: le prime tre avute con la moglie Patrizia Fachini, mentre Maddalena, Francesco e Saverio sono frutto della sua relazione con Elena.

Luca ha raccontato sul piccolo schermo diversi traumi legati alla sua gioventù. Oltre ad un passato da tossicodipendente, superato grazie ad una fruttuosa collaborazione con uno psichiatra, quando era molto piccolo fu abusato da un prete della sua parrocchia.

“Avevo sette anni e lui si è approfittato della mia condizione, ero contento delle sue attenzioni perché ero un bambino solo. Qualche anno fa sono andato a trovarlo per perdonarlo. Lui sosteneva di non ricordasi di nulla, ma io ho voluto fare questo gesto per rompere questa catena di errori e orrori. Il rancore non porta nulla, l’unica cosa che funziona è l’amore.