Papà single adotta bimba con sindrome di down: “Mi ha riempito la vita”

La bella storia di Luca Trapanese: il papà single di Napoli che ha adottato una bimba down dopo che 20 famiglie l’avevano scartata.

Quello tra Luca e Alba è stato amore a prima vista. Lui era un uomo single di 36 anni con esperienza nel volontariato per i disabili, lei una bimba di pochi giorni con la sindrome di down in cerca di casa. Questa bella storia comincia nel 2017 quando la madre della piccola Alba decide di non tenerla a causa della sindrome di down. Si attivano immediatamente i servizi sociali per trovare una casa ed una famiglia alla piccola. La ricerca, però, diventa più difficile del previsto: ben 20 famiglie hanno scartato la bambina a causa della sindrome da cui è affetta.

Poi si presenta Luca Trapanese, l’uomo non ha una famiglia ma è intenzionato ad adottare. Inizialmente era timoroso, prima di quel momento non aveva mai tenuto un bambino in braccio e non sapeva se sarebbe stato in grado di prendersene cura. Le paure iniziali, però, svaniscono appena la vede: “Quando l’ho presa in braccio sono stato sovrastato dalla gioia. Ho sentito che era mia figlia immediatamente”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Papà single adotta bimba con sindrome di down: “La mia vita è cambiata”

Luca non ha dubbi, Alba diventerà sua figlia: “Sin da quando ho 14 anni faccio volontariato con i disabili, così ho sentito di avere la giusta esperienza e conoscenza per prendermi cura di lei”. Dopo il disbrigo delle varie pratiche, dal luglio del 2017 Luca è diventato il tutore legale di Alba. A distanza di 2 anni e mezzo da quella scelta, il papà single non si è assolutamente pentito ed anzi ringrazia il giorno in cui ha incontrato la figlia: “Ha rivoluzionato la mia vita che adesso ruota attorno a lei. Mi ha portato felicità e senso di compiutezza. Sono orgoglioso di essere suo padre”. Di recente Luca ha anche cominciato a documentare il suo percorso da padre su Instagram, raggiungendo in poco tempo 140.000 follower.