Home News Omicidio Sacchi, emergono le intercettazioni che spiegano il delitto

Omicidio Sacchi, emergono le intercettazioni che spiegano il delitto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:08
CONDIVIDI
omicidio Luca Sacchi
Omicidio Luca Sacchi parla il padre Alfonso a Porta a Porta FOTO viagginews

Il sito d’informazione ‘Open’ ha pubblicato parte delle intercettazioni in mano agli inquirenti che hanno permesso di capire come si è svolto l’omicidio di Luca Sacchi.

Questa mattina sono state emesse cinque misure cautelari riguardanti il caso Sacchi, il giovane ucciso all’esterno del pub John Cabot di Roma. I Carabinieri stavano indagando da tempo su quanto successo quella sera per capire come si era svolta la dinamica dei fatti. Dalle varie testimonianze offerte, infatti, c’erano numerose incongruenze e non si capiva quale ruolo avesse assunto la fidanzata di Luca, Anastasiya Kylemnik. A sciogliere i nodi ci hanno pensato due intercettazioni telefoniche in mano agli inquirenti, entrambe riguardanti chiamate che Valerio Del Grosso (l’esecutore materiale dell’omicidio) ha fatto a Marcello De Propris.

Come emerso ormai da tempo, Anastasyia aveva commissionato un grosso acquisto di droga a Giovanni Princi, amico del liceo di Luca Sacchi. Il ragazzo aveva contattato Del Grosso, il quale quella sera, in compagnia di Paolo Pirino, era andato a controllare che i ragazzi avessero il denaro per pagare la droga. A quel punto Del Grosso si sarebbe fatto venire l’idea che ha portato alla morte di Luca, rubare il denaro.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Omicidio Sacchi, le due intercettazioni che spiegano il delitto

Omicidio Luca Sacchi
Omicidio Luca Sacchi si continua ad indagare FOTO viagginews

Il denaro c’è e le due parti si accordano per vedersi e fare lo scambio, ma Del Grosso ha intenzione di non rispettare i patti. Secondo quanto si legge in un estratto dell’intercettazione riportata da ‘Open‘, propone il furto del denaro a De Propris, ritenuto gestore del giro di spaccio di San Basilio: “Marcello, c’ho un’idea. Sto qui col mio amico fulminato Pirino, a vede’ tutti quei soldi m’è partita la capoccia, ho pensato che potremmo prenderceli senza dargli la droga, prestami la pistola di tuo padre”. Questo risponderebbe di venirla a prendere.

A quel punto Pirino e Del Grosso tornano da Anastasyia che nel frattempo ha raggiunto Luca. Uno dei due la colpisce ed il fidanzato reagisce atterrando e immobilizzando Pirino. A quel punto Del Grosso avrebbe fatto partire il colpo di pistola letale. I due aggressori si sono dunque allontanati dal luogo, ma sono stati arrestati 24 ore dopo. Nell’intervallo di tempo tra la fuga e l’arresto Del Grosso ha chiamato nuovamente De Propris dicendogli: “Marcello, hai visto? Che dice tuo padre?”, domanda a cui questo risponde: “Dice che sei un cretino, non ti si può affidare nulla in mano”.

L’altro dato che emerge è che Anastasia, indagata per spaccio di droga, aveva 70mila euro con sè per comprare circa 15Kg di droga.