Home News Legge contro aborto | donne costrette a vedere e sentire il feto

Legge contro aborto | donne costrette a vedere e sentire il feto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:16
CONDIVIDI
Legge contro aborto
Legge contro aborto controversa in Slovacchia FOTO viagginews

Le associazioni per i diritti dell’uomo protestano verso la legge contro l’aborto sul punto di passare in Slovacchia. “È degradante per le donne”

Una legge contro l’aborto prossima ad essere promulgata in Slovacchia costringerebbe le donne intenzionate a non portare avanti la gravidanza a vedere le foto del feto che portano in grembo. Il disegno di legge è in agenda per il 29 novembre 2019 e richiede alle donne di ascoltare il battito cardiaco fetale, quando questa cosa risulta essere tecnicamente attuabile. Questo allo scopo di spingerle a cambiare idea. La legge, che sarebbe la prima del suo genere in Europa, vieterebbe anche la “pubblicità” degli aborti ed imporrebbe multe salate a coloro che la diffondono. La scorsa settimana una lettera aperta firmata da una trentina di organizzazioni per i diritti dell’uomo, tra le quali Human Rights Watch, Amnesty International, Marie Stopes International e la Campagna internazionale per il diritto all’aborto sicuro delle donne, ha chiesto che il piano venisse respinto, descrivendolo come “regressivo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Legge contro aborto, tante associazioni per i diritti dell’uomo sono contrarie

Le associazioni sostengono che “non esiste alcun motivo medico per le modifiche proposte” e hanno sottolineato le sentenze della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo in merito a questo argomento. I gruppi per i diritti umani hanno criticato il piano, il quale secondo loro avrebbe danneggiato i diritti riproduttivi delle donne e creato un precedente ritenuto “pericoloso” per altri paesi dell’Unione Europea. “Questa legge contro l’aborto così come viene proposta è un chiaro tentativo di ripristinare i diritti riproduttivi delle donne della Slovacchia”, ha dichiarato Monica Costa Riba, una attivista di Amnesty. “Se adottato, danneggerà la salute e il benessere delle donne, ostacolerà il loro accesso a cure per l’aborto sicure e violerà gli obblighi internazionali in materia di diritti umani della Slovacchia.

Ma la sua promulgazione sembra certa

Secondo le linee guida sull’aborto sicuro dell’Organizzazione mondiale della sanità, non ci sono motivi medici per le modifiche proposte. Piuttosto sembrano intesi a creare delle barriere sull’ottenimento dell’aborto. Chiediamo a tutti i parlamentari coinvolti nella sua votazione di respingere questa proposta regressiva. Se adottata, la Slovacchia diventerà l’unico stato membro dell’UE a imporre tali requisiti alle donne e costituirebbe un precedente pericoloso per altri paesi in Europa.” La proposta però sembra avere un sostegno interpartitico generale nel Paese e ha alte probabilità di passare.