Lella Fabrizi: chi era l’attrice romana, spalla di Carlo Verdone

Lella Fabrizi, dagli esordi al successo: chi era l’attrice romana, spalla di Carlo Verdone e sorella del noto attore Aldo Fabrizi.

(screenshot video)

Ultima di sei fratelli, Elena Fabrizi, nota come Lella o sora Lella, prima di essere un’attrice affermata è stata una ristoratrice. Aprì una trattoria in Campo de’ Fiori e poi un altro ristorante gestito assieme al marito e al figlio, Aldo Trabalza, sull’Isola Tiberina. Quest’ultimo, chiamato proprio Sora Lella, è oggi gestito dai nipoti della donna, scomparsa nel 1993. Il fratello maggiore è Aldo Fabrizi, uno dei più grandi attori italiani.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dagli esordi al successo: chi era Lella Fabrizi

Lella Fabrizi arrivò tardi sul grande schermo nel 1958 all’età di 43 anni. Era infatti nel cast del film I soliti ignoti di Mario Monicelli, accanto a Totò e altri divi del cinema italiano come Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman e Tiberio Murgia. Prese parte poi a diverse commedie all’italiana, diventando una delle più note attrici caratteriste italiane. Il suo accento fortemente romano e il carattere bonario divennero infatti una sorta di marchio di fabbrica. Il grande successo arriva però all’inizio degli anni Ottanta grazie a Carlo Verdone. Interpreta infatti il ruolo della nonna del protagonista sia in Bianco, rosso e Verdone (1981) che in Acqua e sapone (1983).

Grazie alla pellicola del 1981, vinse un Nastro d’argento come miglior attrice esordiente; con il successivo, Acqua e sapone, ottenne un David di Donatello come miglior attrice non protagonista. Le sue apparizioni sul piccolo e sul grande schermo si fecero così più frequenti. La troviamo anche in alcuni film del filone della commedia sexy all’italiana, come quelli della serie di Pierino. Questi film la fecero diventare lo stereotipo della nonna italiana. Nonostante entrambi fossero attori, Lella e Aldo Fabrizi non avevano un buon rapporto, anzi vi sono aneddoti raccontati circa il fatto che lui la sopportasse malvolentieri.