Devastante terremoto in Albania, trema anche l’Italia: morti e feriti

Una violentissima scossa di terremoto ha colpito la parte settentrionale dell’Albania causando il crollo di numerosi palazzi. Almeno 4 i morti. Scossa avvertita nettamente anche in Italia.

Un sisma di magnitudo 6.5 ha colpito questa notte la parte nord dell’Albania, in prossimità di Durazzo. La violentissima scossa si è verificata intorno alle 2:54 (ora locale, le 3:54 in Italia). Secondo i dati che sono stati registrati sul sito dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia il terremoto ha avuto un epicentro tra Durazzo e Shijak ed un ipocentro con profondità 10 chilometri. Decisamente preoccupanti le notizie che giungono dalla cronaca locale e che ci informano della morte di almeno quattro persone, a cui si sommano danni ingenti a palazzi e abitazioni singole.

In piena notte sono tantissimi anche gli italiani che si sono svegliati per il terremoto. Qui un video ripreso in un’abitazione di Lecce

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Terremoto devastante in Albania, palazzi crollati, feriti e dispersi

Il sisma è stato talmente potente da essere avvertito in tutta la penisola balcanica e nella parte tirrenica dell’Italia. Nella capitale dell’Albania, a Tirana, tutti i cittadini sono scesi in piazza in preda al panico mentre nelle città più vicine all’epicentro, Durazzo e Thunama, si registrano numerosi crolli di palazzi, diversi cittadini dispersi ed almeno 150 feriti. Da questa notte i soccorritori lavorano alacremente per cercare sopravvissuti tra le macerie dei palazzi crollati in seguito al sisma. Unità dell’esercito e della protezione civile stanno scavando tra le macerie di palazzi a Durazzo e Thunama. Poco tempo fa sono stati tratti in salvo dei bambini, ma il timore è che tra le macerie ci siano ulteriori vittime.

Quello verificatosi questa notte è il terzo terremoto di forte entità registrato in Albania dal 21 settembre 2019 ad oggi. La prima scossa è stata di magnitudo 5.8 e si è verificata nel nord del Paese con epicentro a Durazzo, già in quella occasione non sono stati registrati crolli (400 palazzine). La seconda, registrata l’1 novembre, è stata di intensità lievemente minore (magnitudo 5.2) e non ci sono state vittime.