Javier Zanetti, chi è: carriera, l’Inter, successi e vita privata

Javier Zanetti, chi è l’ex calciatore che ha collezionato molti record: la carriera dagli esordi, l’Inter, i successi e la vita privata.

(CC-BY-2.0)

Classe 1973, la storia calcistica di Javier Zanetti è legata alla storia dell’Inter degli ultimi 25 anni: infatti, l’argentino arrivò a Milano appena 22enne e dal 2001 fino al 2014 è stato il capitano della squadra nerazzurra. Lasciato il calcio, non ha abbandonato la Milano nerazzurra, divenendo dirigente e vicepresidente del club. Con l’Inter ha giocato complessivamente 615 partite realizzando 12 gol ed è a oggi lo straniero con più presenze in Serie A.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Dall’impegno sociale ai trionfi: chi è Javier Zanetti

Inoltre, è al settimo posto assoluto tra i giocatori che hanno disputato più partite in carriera, 1114 presenze e il quarto giocatore in assoluto ad aver giocato più partite in serie A. Meglio di lui hanno fatto soltanto Paolo Maldini, Gigi Buffon e Francesco Totti. Nel corso della sua carriera in nerazzurro, è stato protagonista del Triplete nel 2009-2010. Complessivamente con l’Inter ha vinto cinque scudetti, quattro Coppe Italia, quattro Supercoppe italiane, una Coppa UEFA, una Champions League e una Coppa del mondo per club FIFA. Indelebile il ricordo del suo addio al calcio, come ha raccontato in un’intervista.

Sposato dal 1999 con Paula de La Fuente, conosciuta nel 1991 mentre militava tra le file del Talleres, ha tre figli. Insieme alla moglie è impegnato nel sociale grazie alla Fondazione P.U.P.I. Sempre per il suo impegno nel sociale ha ottenuto molti riconoscimenti. Nel maggio2 2019, è tornato in campo per una partita di beneficenza. La storia di Javier Zanetti non è legata solo all’Inter: tante sono le vittorie anche con la nazionale argentina, secondo giocatore con più presenze nella storia. Tra i riconoscimenti, il più importante è l’argento olimpico ad Atlanta 1996. Al momento del suo addio al calcio, l’Inter scelse di ritirare la maglia numero 4 che aveva indossato in tutti gli anni di permanenza in nerazzurro.