Home News Incidente stradale Alberto Antonello | dopo il coma si riprende e torna...

Incidente stradale Alberto Antonello | dopo il coma si riprende e torna a casa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:09
CONDIVIDI
incidente stradale Alberto Antonello
Incidente stradale Alberto Antonello il giovane torna a casa FOTO viagginews

Vicenda incidente stradale Alberto Antonello, il 19enne trevigiano supera il coma e lascia l’ospedale di Castelfranco dove era ricoverato.

Dopo il drammatico incidente stradale nel quale la sua fidanzata è morta, Alberto Antonello è stato dimesso. Lui si era salvato dal tragico schianto avvenuto nella notte di Halloween, mentre viaggiava con la povera Giulia Zandrin. La giovane era morta sul colpo, invece Alberto aveva rimediato delle ferite molto gravi ed era finito anche in coma. Al risveglio, avvenuto nell’ospedale di Castelfranco Veneto, in provincia di Treviso, il ragazzo si era svegliato e le prime parole che aveva esclamato erano state per la sua Giulia. Ma non sapeva che era morta. Ora è giunto il via libera da parte dei medici al ritorno a casa, dove Alberto Antonello proverà a superare il dolore ed a lasciare spazio ai bei ricordi vissuti con la sua fidanzata. Dal punto di vista clinico, non c’è più stata la necessità di tenere Alberto in cura in Terapia Intensiva.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Incidente stradale Alberto Antonello in miglioramento ma la sua fidanzata non c’è più

Il ricovero per oltre due settimane in tale reparto ha fatto si che il 19enne veneto uscisse da una fase estremamente critica e per la quale si era temuto per la sua vita. Continuerà un certo percorso clinico e terapeutico da casa, assieme alla famiglia composta da papà Franco e mamma Bianca e dal fratello Andrea. Alberto, nell’incidente stradale che lo aveva coinvolto con la sua ragazza, non aveva rimediato nessun trauma al cervello per fortuna, con il coma indotto a scopo farmacologico. Ed anche le altre lesioni riscontrate sono in via di assorbimento da parte del suo fisico. Sembra che non ci sia neppure il bisogno di alcun intervento chirurgico. Restano però inevitabilmente i segni a livello psicologico per quanto vissuto.