Droga bambini | il triste ed assurdo fenomeno | picchi a Roma

Droga bambini
Droga bambini tanti casi principalmente a Roma FOTO viagginews

Casi droga bambini: sotto accusa i genitori tossicodipendenti che distrattamente lasciano le loro dosi per casa, e la tragedia è dietro l’angolo.

Le forze dell’ordine riscontrano un aumento smisurato di casi in cui droga e bambini vengono a contatto. La cosa avviene per lo più in casa ed a seguito di malaugurati episodi, legati soprattutto all’incuria ed alla distrazione dei genitori. Dosi di stupefacenti lasciate sul tavolo o comunque incustodite e di immediata portata in una abitazione finiscono con l’attrarre la curiosità dei più piccoli. Con il triste risultato che bimbi di età media compresa tra i 9 mesi ed i 5 anni devono poi necessitare con estrema urgenza di cure mediche. Questo triste fenomeno di droga a bambini assunta in maniera involontaria risulta essere in preoccupante aumento soprattutto a Roma. Per i più piccini basta anche solo mettere una manina su un pò di polvere bianca e passarsela sul viso. Può sembrare assurdo ma è così prima di ogni altra maniera che un piccolo assume gli stupefacenti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Droga bambini, dal 2015 in poi una triste costante a Roma

Una volta in ospedale poi il fattore scatenante del ricovero è presto scoperto e questo frutta una denuncia ai genitori per cessione di sostanze stupefacenti e per lesioni colpose. E Roma rappresenta un centro importante in Italia in quanto a traffico ed assunzione di diversi tipi di droga. Numerose sono le inchieste in merito ed alcune riguardano situazioni nelle quali sono stati coinvolti loro malgrado anche i più piccoli. L’ospedale ‘Bambin Gesù’, stando a quanto riporta il quotidiano ‘Il Messaggero’, parla di quasi 10 casi all’anno dal 2015. I sintomi apparenti sono improvvise ed inspiegabili narcolessia, tachicardie o vertigini. E nelle situazioni più gravi si rende necessario l’ingresso dei piccoli pazienti nel reparto di Terapia Intensiva.