Home News Calciatore sbatte la testa e sviene, l’avversario accorre e gli salva la...

Calciatore sbatte la testa e sviene, l’avversario accorre e gli salva la vita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:38
CONDIVIDI

calciatore salvatoUn calciatore dilettante ha rischiato di soffocare dopo uno scontro di gioco fortuito, l’avversario si è accorto del pericolo e gli ha salvato la vita.

Il calcio è uno sport logorante a livello fisico e mentale, in cui i protagonisti danno il massimo per avere la meglio sugli avversari. Spesso sulle partite di calcio si leggono episodi poco gratificanti, basti pensare a quello che è successo a Balotelli poche settimane fa, e si è portati a pensare che non vi sia del buono sui campi rettangolari. Dall’esterno sembra che chi gioca a calcio debba essere necessariamente un bruto, privo di qualsiasi sentimento di altruismo. Ma chi ha giocato a calcio sa che finita la partita nulla resta degli scontri e delle incomprensioni. Si resta avversari solamente per 90′ e quando ce n’è bisogno si corre in aiuto di tutti.

Lo dimostra quanto successo ieri durante una partita del campionato di serie D. Si sfidavano due squadre dilettantistiche campane, l’US Arzanese e il Real Anacardi, quando ad un tratto c’è stato un violento scontro di gioco. Il centrocampista dell’Arzanese, Filippo Saviano, ha sbattuto la testa sul terreno di gioco ed ha perso i sensi. Ad accorgersene per primo è stato l’avversario, Luigi Buondonno, che senza pensarci un attimo è corso in suo aiuto. Non curante della possibile reazione istintiva dell’avversario, gli ha aperto la bocca e tirato fuori la lingua per evitare che soffocasse, salvandogli la vita.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Calciatore salva la vita all’avversario, il ringraziamento della società

L’incontro è terminato con la vittoria del Real Anacardi per 3-2, ma ciò che è rimasto a fine incontro è la gratitudine della squadra sconfitta al bel gesto d’altruismo dell’avversario. In un commovente post su Facebook, infatti, l’Arzanese ha voluto ringraziare e lodare l’avversario: “Ci sono momenti in cui il calcio giocato passa veramente in secondo piano: Si scoprono uomini e storie che solo con il pallone non si riuscirebbero a conoscere”. Dopo aver raccontato la prontezza di riflessi di Buondonno, la società campana scrive: “Gesti come questi ci fanno capire che l’essere umano è l’elemento fondamentale di ogni cosa, soprattutto nello sport”.