Home News Ragazzo morto | a 16 anni ruba la macchina della mamma |...

Ragazzo morto | a 16 anni ruba la macchina della mamma | si schianta con gli amici

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:48
CONDIVIDI
ragazzo morto incidente
Un ragazzo morto a 16 anni dopo avere rubato la macchina della mamma FOTO viagginews

Ruba la vettura di sua mamma ma la bravata finisce in tragedia: ragazzo morto a soli 16 anni. La famiglia ammonisce i suoi coetanei: “Non fate come lui”.

Un ragazzo morto dopo avere rubato l’auto della mamma. È quanto di triste ed assurdo capitato a Daniele Burelli, di soli 16 anni. L’adolescente aveva provato a mettere in atto una bravata che però alla fine ha pagato a caro prezzo con la vita. Assieme a lui c’erano diversi amici. Alla fine erano in 8 sulla vettura, che al massimo poteva trasportare 5 persone. Ed alla guida c’era un altro giovane che era minorenne come il ragazzo morto ed ovviamente sprovvisto di patente di guida. La vicenda è avvenuta tra Rodeano e San Daniele del Friuli, con la macchina, una Opel Corsa, che alla fine si è ribaltata per colpa dell’eccessivo carico. Chi era al volante ha perso il controllo, proprio dopo che uno degli altri ragazzi a bordo aveva postato una storia su Instagram girata nell’abitacolo.

LEGGI ANCHE –> Abusi Vaticano | Le Iene raccoglie altre tre testimonianze | “Preti e suore pedofili”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ragazzo morto, la famiglia invita altri giovani a non compiere lo stesso fatale sbaglio

Tutti erano molto contenti, poi l’improvvisa tragedia. La famiglia ha ricevuto molti messaggi di cordoglio ma ne ha approfittato per ribadire come gli altri coetanei di Daniele non debbano compiere altre pericoloe assurdità. “Per favore non fate lo stesso errore che ha fatto lui non rischiate la vostra vita per delle str**…vivetela. Questo è il favore che vi chiediamo con il cuore in mano, speranzosi che la storia del nostro Daniele vi sia di esempio e che vi porti a ragionare prima di fare qualcosa di avventato. Chiunque di voi abbia una sua foto, qualsiasi, la mandi, vi prego in ginocchio. Almeno grazie a quelle immagini saremo in grado di averlo più vicino”.