Home News Carabiniere ucciso | chiesto il giudizio immediato per Lee e Hjorth

Carabiniere ucciso | chiesto il giudizio immediato per Lee e Hjorth

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:07
CONDIVIDI
carabiniere ucciso
Mario Cerciello Rega la richiesta della procura per gli assassini del carabiniere ucciso FOTO viagginews

In merito all’omicidio di Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso a fine luglio, la Procura di Roma chiede il giudizio immediato per i due americani coinvolti.

In merito all’omicidio di Mario Cerciello Rega, il carabiniere ucciso a Roma la notte del 26 luglio nel quartiere Prati, arriva la richiesta della Procura di Roma per i due imputati. I giovani cittadini statunitensi, Finnegan Lee Elder e ​Cristian Gabriel Natale Hjorth, secondo la Procura stessa, sono da giudicare con rito immediato. Sul fatto che siano stati loro ad uccidere il carabiniere originario della provincia di Napoli non ci sono dubbi. Restano però degli interrogativi in merito alla dinamica dell’accaduto. Oltre alla accusa di omicidio, i due giovani californiani, di buona famiglia e pare proprio col vizio di consumare stupefacenti, devono rispondere anche di diversi altri reati. Tra questi spiccano tentata estorsione (per il furto dello zaino di un intermediario dei pusher ai quali si erano rivolti), resistenza a pubblico ufficiale e lesioni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Carabiniere ucciso, i due americani si trovano a Regina Coeli

Quest’ultima accusa riguarda l’aggressione subita da Andrea Varriale, il collega che era assieme al carabiniere ucciso. Sia quest’ultimo che lo stesso Varriale erano in borghese quando si è verificato l’accaduto. Le indagini risultano concluse e sono state portate avanti dai carabinieri del Nucleo Investigativo. Coordinati dal procuratore facente funzioni Michele Prestipino e da quello aggiunto, Nunzia D’Elia. Il processo nei confronti di Elder Lee e di Gabriel Hjorth dovrebbe così celebrarsi in tempi brevi o comunque sensibilmente più brevi. Senza la necessità di passare per una udienza preliminare. I due americani si trovano reclusi da fine luglio all’interno del carcere di Regina Coeli. Sono detenuti in celle diverse ed anche la loro ora d’aria quotidiana si svolge in orari differenti.