Home News La tenerezza: trama, cast e curiosità sul film di Gianni Amelio

La tenerezza: trama, cast e curiosità sul film di Gianni Amelio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:10
CONDIVIDI

La tenerezza è un film del 2017, diretto da Gianni Amelio, con Elio Germano e Greta Scacchi. Scopriamone la trama, il cast e le tutte le curiosità.

La tenerezza prende liberamente spunto dal romanzo La tentazione di essere felici, scritto da Lorenzo Marone. La pellicola a riscosso un brande successo di critica e pubblico, venendo candidato e vincendo in numerosi festival nazionali. Il film riesce a guadagnarsi quattro Nastri d’argento, un David di Donatello, un Globo d’oro e due Ciak d’oro. Pluripremiato per le magistrali interpretazioni dei suoi attori, la pellicola si rivela essere un film dalle sfumature neorealiste che cerca d’indagare a fondo nell’animo umano.

La tenerezza, la trama

Lorenzo è un anziano, avvocato ormai andato in pensione, che è stato ricoverato in ospedale per un infarto. Lontano dai figli Elena e Saverio, con la quale condivide un pessimo rapporto, l’anziano trova al suo fianco solo il nipote, Francesco, che gli è molto affezionato. Dimesso dall’ospedale, nonno e nipote scoprono che i loro dirimpettai si sono trasferiti, lasciando spazio ad una nuova famiglia. Lorenzo, solitario ed in cerca di attenzioni, troverà nei suoi vicini, e soprattuto nella madre di famiglia, dei compagni di vita, con la quale condividere i suoi istanti. Ma non è tutto oro quel che luccica.

Il cast e le curiosità

Il cast è composto da giganti del mestiere, nomi come Renato Carpentieri, nei panni di Lorenzo , Elio Germano, che interpreta Fabio e Micaela Ramazzotti, Michela nella pellicola. Il film, undicesimo del regista Gianni Amelio, si è rivelato essere un grande successo. La storia, che riprende appieno le tematiche chiare al neorealismo italiano, scalda il cuore, lasciando con dolcezza una pellicola tragica. Gli attori si rivelano essere il vero asso nella manica di Amelio, che decide di unire grandi personalità del cinema e lasciare loro la libertà di plasmare i personaggi su loro stessi.