Home News Roma, uccide il padre a martellate in testa: la drammatica confessione

Roma, uccide il padre a martellate in testa: la drammatica confessione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:27
CONDIVIDI

Ha confessato di aver ucciso il padre a martellate. Il corpo della vittima, 76 anni, è stato trovato dall’altra figlia, che non aveva sue notizie da stamattina. 

Si chiamava Adolfo Ciammetti e aveva 76 anni l’uomo che è stato ucciso a martellate in testa dal figlio 39enne. Il cadavere della vittima è stato trovato all’interno di un’azienda in via Soriso, in zona Aurelio a Roma. L’anziano giaceva in terra insanguinato, e sfigurato dalla terribile violenza subita. A fare la drammatica scoperta è stata la figlia, recatasi sul posto visto che non aveva sue notizie da stamattina.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le indagini sul caso del papà ucciso a martellate in testa

Interrogato dagli agenti, il 39 ha confessato nel pomeriggio di aver ucciso il genitore, dopo essere stato fermato dai poliziotti del Commissariato Aurelio e dai colleghi della Squadra Mobile. I motivi di un così efferato delitto sarebbero in corso di accertamento. Alla base di tutto potrebbero esserci attriti familiari e questioni economiche.

La vittima, come accennato, non era raggiungibile da questa mattina e la figlia aveva deciso di denunciare la sua scomparsa alla Polizia. Sono iniziate immediatamente le ricerche che nell’arco i poche ore hanno portato all’arresto del figlio il quale, secondo quanto si apprende, avrebbe diversi precedenti penali, tra cui quello per truffa.

EDS