Home News Mamma mostro uccide due figli: ecco i post “premonitori” su Facebook

Mamma mostro uccide due figli: ecco i post “premonitori” su Facebook

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:18
CONDIVIDI

Sono a dir poco agghiaccianti i post pubblicati su Facebook da Sarah Barrass, la mamma mostro che ha ucciso due figli, poche settimane prima dell’atroce delitto. 

Assassinati dalla loro stessa mamma, con la complicità del papà, Tristan e Blake Barrass avevano solo 13 e 14 anni quando sono stati strangolati, con i sacchi della spazzatura in testa. Ci siamo già occupati della loro terribile vicenda. I due ragazzi sono stati uccisi nell’unico posto in cui avrebbero dovuto sentirsi al sicuro, a casa loro, con la madre, Sarah Barrass e il padre, Brandon Machin. I quali, a quanto pare, temevano che i servizi sociali glieli avrebbero portati via.

La mamma mostro, che ha altri quattro figli, ha singhiozzato in tribunale mentre leggeva i raccapriccianti dettagli di come aveva ucciso i suoi stessi figli. Barrass ha strangolato Tristan con la sua vestaglia mentre suo fratello Blake osservava impotente. Machin ha quindi ucciso il 14enne a mani nude. I due fratelli sono morti a 12 minuti l’uno dall’altro. Tutti i loro fratelli sopravvissuti, che hanno meno di 13 anni, sono stati presi in cura.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Le avvisaglie social del delitto della mamma mostro

La mamma mostro ha cercato di uccidere i bambini nell’arco di 48 ore dopo aver pianificato l’omicidio per 9 giorni. Mentre emergono i dettagli agghiaccianti degli orribili omicidi, Barrass e Michin si sono già dichiarati colpevoli di aver ucciso Tristan e Blake. Barrass e Michin si sono anche dichiarati colpevoli di cospirazione e tentato omicidio nei confronti dei fratelli delle vittime.

Intanto il fratello di Barrass, Martyn, ha rivelato la presenza un post agghiacciante di Facebook, pubblicato da sua sorella nei mesi precedenti alle tragiche morti dei suoi nipoti, nei quali la donna riportava una citazione dello scrittore horror Stephen King che diceva: “L’omicidio è come patatine; non puoi fermarti con uno solo”. Ha anche caricato un’immagine agghiacciante del Grim Reaper, la morte, con la didascalia “Coming for you …” (“sto arrivando”). Sia Barrass che Machin si sarebbero scatenati a guardare film horror. Martyn afferma di aver denunciato le sue preoccupazioni ai servizi sociali 10 anni prima dell’omicidio dei ragazzi. “Quei due sono stati malvagi sin dalla nascita – ha detto -. Sono entrambi cattivi, sono entrambi assassini, psicopatici malvagi. Ho assistito alla violenza di Brandon nei confronti di Blake anni fa e sapevo che qualcosa non andava… quindi ho chiamato i servizi sociali e ho chiesto loro di esaminare il caso. Se mi avessero dato retta fossero, i ragazzi potrebbero essere ancora qui oggi.”

EDS