Home News Guardia giurata ‘incastra’ 4 adolescenti: “Se lo fate, non lo dico a...

Guardia giurata ‘incastra’ 4 adolescenti: “Se lo fate, non lo dico a papà”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:02
CONDIVIDI

Guardia giurata in servizio presso un punto vendita Primark del Regno Unito ‘incastra’ 4 adolescenti: “Se lo fate, non lo dico a papà”.

(foto pubblico dominio)

Una guardia di sicurezza in un negozio è stata condannata per aver aggredito sessualmente quattro ragazze adolescenti che erano state fermate per taccheggio. Zia Uddin, 27 anni, ha costretto le ragazze di 15 anni a compiere atti sessuali in cambio di non averlo detto ai loro genitori. Il giovane era stato assunto da Brooknight Security per lavorare a Primark a Kingston upon Thames, nel sud-ovest di Londra,

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Gli abusi della guardia giurata contro 4 adolescenti

La vicenda viene ricostruita dall’Huffington Post. Il 27enne le ha portate nella sala di controllo del negozio, minacciando di chiamare la polizia se non avessero ottemperato alle sue richieste. L’uomo è stato dichiarato colpevole di stupro e di incitamento a praticare attività sessuali. Ai giurati è stato detto che i colleghi hanno notato che Uddin, che teneva i preservativi nella sala di controllo, aveva tenuto un comportamento anomalo. In particolare pare abbia eliminato alcune scartoffie e le immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Graham Partridge, del CPS, ha dichiarato: “Zia Uddin ha predato le ragazze in una situazione vulnerabile. Ha abusato della sua autorità dicendo loro di compiere atti sessuali con lui con la promessa che sarebbero poi stati rilasciati senza che i loro genitori o la polizia fossero informati di ciò che avevano fatto. Avendo lavorato in sicurezza, Uddin era anche ben consapevole dei ‘punti ciechi’ della telecamera di videosorveglianza e ne ha approfittato per realizzare il suo reato”. Le prove telefoniche hanno anche mostrato che Uddin aveva fatto diverse telefonate personali ad altre ragazze accusate di taccheggio dopo aver acquisito i loro numeri di telefono in seguito ai fermi effettuati. Le prove contro di lui si basano anche sulle testimonianze delle 4 adolescenti.