Home News Madre abusa di ragazzini | sono i fidanzatini di 14 e 15...

Madre abusa di ragazzini | sono i fidanzatini di 14 e 15 anni delle figlie

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:03
CONDIVIDI
madre abusa ragazzini
Una madre abusa di ragazzini giovanissimi ovvero i due fidanzati adolescenti coetanei delle sue figlie FOTO viagginews

Una madre abusa di ragazzini di appena 14 e 15 anni. SI tratta dei giovanissimi fidanzati e coetanei delle sue stesse figlie. Gli abusi andavano avanti da tempo.

Una madre abusa di ragazzini, seducendoli e violentandoli sistematicamente per diverso tempo. Nello specifico la mamma abusa in questa circostanza dei due giovanissimi fidanzati delle sue figlie. Lei si chiama Coral Lytle e ha 42 anni. Al processo a suo carico è stata ritenuta colpevole di reati molto gravi, come violenza ed abusi carnali a danno di minori ed altri reati ed aggravanti. La diabolica madre di famiglia avrebbe costretto i due, che frequentavano spesso casa sua per stare con le figlie, ad andare a letto con lei. In tribunale sarebbero emersi svariati episodi nei quali tali reati sono stati reiterati, il tutto con la mamma che abusava in piena consapevolezza dei due ragazzini. Ad un certo punto sarebbe sorta in lei una sorta di comportamento da vera e propria maniaca.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Madre abusa di ragazzini, comportamento ossessivo-compulsivo da lei

Non mancano situazioni di stalking, con Coral Lytle che arrivava anche a pedinare i fidanzatini delle sue figlie, a molestarli in luoghi pubblici ed a prenderli fino a casa loro. Il tutto per fare assieme ad entrambi delle cose indicibili, per poi ricondurli dalle rispettive famiglie come se niente fosse. La torbida storia è venuta alla luce quando uno dei due adolescenti ha trovato il coraggio di denunciare tutto e di parlare. Su entrambi i giovanissimi le violenze e gli abusi subiti hanno lasciato il segno. Per uno di loro si è aperto anche un doloroso tunnel di depressione, che lo avrebbe portato a pensare di compiere il suicidio, come confermato dal padre. La donna è stata condannata a 4 anni di carcere. Il suo nome stato iscritto all’interno del registro che raggruppa i maniaci ed i pedofili.