Famiglia uccisa, i narcos bruciano vivi donne e bambini – FOTO

famiglia uccisa
Una intera famiglia uccisa da spietati Narcos che non hanno risparmiato neppure i bambini FOTO viagginews

Una famiglia uccisa dalla follia e dalla spietatezza dei narcos messicani in quello che sembra essere un tremendo agguato premeditato.

La spietatezza dei Narcos messicani non conosce limiti, con una famiglia uccisa per intero senza risparmiare neppure i bambini. Ci sono almeno 12 morti infatti in un gruppo di altrettanti cittadini statunitensi mormoni composto da tre donne e 9 bimbi, tra i morti rinvenuti dalla polizia nelle ultime ore. Il fatto è avvenuto proprio in Messico, dove le auto sulle quali viaggia diviso il gruppo sono state raggiunte e circondate da altri veicoli con a bordo dei malviventi. Questi hanno iniziato a sparare all’impazzata, finendo anche con il dare fuoco alle vetture con a bordo i loro indifesi bersagli. Risulta anche che tra i bambini massacrati ci fossero due gemellini nati soltanto sei mesi fa. Le forze dell’ordine locali ritengono che tutto questo sia da attribuire ai cartelli della droga che lottano spietatamente tra loro per la gestione del mercato dello spaccio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Famiglia uccisa, la zona dell’agguato tristemente nota per l’alto tasso di criminalità

Attività illegale che porta nelle tasche dei malavitosi del posto milioni e milioni di dollari ogni anno. Alcuni dei bambini della famiglia uccisa per intero sarebbero morti bruciati vivi. La località dove è avvenuto il massacro è Rancho de la Mora, posta al confine con gli Stati Uniti. Si trova anche a margine degli stati messicani del Chihuahua e di Sonora. La zona è tristemente famosa per essere terreno in cui i trafficanti di droga e tanti altri malintenzionati spadroneggiano, mettendo in difficoltà le autorità del luogo. Purtroppo poi sembra che il numero delle vittime possa aumentare. Già si parla anche di una tredicesima persona rimasta uccisa. La famiglia mormona si trovava in Messico per svolgere attività missionaria per conto della loro chiesa.