Ospedale Niguarda, paziente operata al cuore con ipnosi al posto dell’anestesia

0
3

Un’operazione al cuore senza anestesia: una paziente di 82 è stata sottoposta ad intervento chirurgico all’Ospedale Niguarda ricorrendo all’ipnosi

mal di schiena malasanità

Una nuova operazione all’avanguardia quella avvenuta all’ospedale Niguarda di Milano, dove una paziente di 82 anni è stata sottoposta a un intervento chirurgico alla valvola aortica, ricorrendo all’ipnosi senza ricorrere all’anestesia. Nella nota dell’ospedale si legge: “L’intervento è durato poco più di un’ora. Nella sala ibrida di Niguarda l’équipe è la solita per questo tipo di procedure: cardiochirurghi, anestesisti, tecnici di radiologia e infermieri. Sul lettino però per la paziente nessun ricorso a farmaci ‘dell’armamentario anestesiologico’ (se non una piccola dose di anestetico locale per le punture sulle gambe, punti di accesso per la risalita dei cateteri fino al cuore per la sostituzione valvolare). In alternativa si è ricorsi all’ipnosi”.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Ospedale Niguarda, le dichiarazioni della specialista

Sandra Nonini, specialista dell’Anestesia e Rianimazione 3, diretta da Maria Pia Gagliardone, ha spiegato: “Ho sentito parlare per la prima volta di ipnosi durante un’esperienza lavorativa in Francia dove questa pratica è molto utilizzata, non solo per procedure chirurgiche ma anche per quelle di tipo ambulatoriale, come ad esempio le medicazioni nei gravi ustionati. Incuriosita da questa tecnica mi sono avvicinata al mondo dell’ipnosi usata in ambito medico e oggi mi sto specializzando”. Il comunicato dell’ospedale ha aggiunto: “Al risveglio la paziente, che per tutta la durata dell’intervento ha mantenuto un’ottima stabilità dei parametri respiratori ed emodinamici (quelli che preoccupavano in caso di sedazione), ha riferito di non aver sentito alcun fastidio e che con la mente è andata alla sua infanzia: per tutto il tempo correva tra i prati con una capretta, così come faceva da bambina. I colori erano molto vividi e si ricordava di un profumo di limoni selvatici”.