Azouz Marzouk indagato per strage di Erba: “Calunnie su Olindo e Rosa”

Azouz Marzouk, uno dei familiari delle vittime, è stato indagato per la strage di Erba, l’accusa contro di lui: “Calunnie su Olindo e Rosa”.

(screenshot video)

Avrebbe calunniato Olindo Romano e Rosa Bazzi, ovvero i due assassini reo confessi della strage di Erba. Per questo risulta indagato Azouk Marzouk, familiare delle vittime della tragica vicenda. L’uomo, come aveva già fatto in passato, negli ultimi mesi ha messo in dubbio la colpevolezza di Rosa Bazzi e Olindo Romano. Ma in questo modo, dice la procura, li ha calunniati in quanto li accusa di aver detto il falso con la loro confessione.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Perché viene accusato ora Azouz Marzouk

Nella strage, Marzouk ha perso moglie e figlio piccolo, Raffaella Castagna e Youssef. Con le sue dichiarazioni ha – secondo la Procura – “incolpato ingiustamente” Olindo Romano e Rosa Bazzi. Peraltro, non si tratta di interviste rilasciate, ma l’accusa gli deriva dall’istanza di revisione del processo che ha egli stesso presentato. Insomma, essendo i due assassini reo confessi, ‘accusarli’ di essere innocenti equivale a calunniarli.

La pm Giancarla Serafini che ha chiesto il rinvio a giudizio per l’uomo sostiene che Azouz Marzouk “accusa” Olindo Romano e Rosa Bazzi, pure essendo questi giudicati colpevoli e “avendo gli stessi ammesso la loro responsabilità in ordine ai fatti di omicidio ai danni” di quattro vittime. Le accuse al marocchino fanno riferimento a “dichiarazioni rese in sede di interrogatorio il 10 gennaio 2017 dinanzi al pubblico ministero della Procura di Como”.