Leontine Snell, chi è la mamma di Nathalie Caldonazzo: età e foto dell’attrice

Leontine Snell, chi è la mamma di Nathalie Caldonazzo: età, carriera e foto dell’attrice. Scopriamo qualcosa di più su di lei. 

Leontine Snell
foto web

Leontine Snell è stata una ballerina olandese, di origine indiana che ha debuttato al Lido di Parigi a 15 anni come prima donna nella celebre compagnia delle Blue Bell. Ha girato mezzo mondo arrivando anche in Italia dove trova l’amore della sua vita: Mario Caldonazzo. Dal suo matrimonio nascono due bambine Nathalie e Patrizia. Poi all’età di 35 anni divorzia e lavora come insegnante di danza e coreografa e attrice di teatro con Peppino De Filippo in “Scala Reale”.  Negli ultimi anni si è dedicata alle figlie e ad insegnare danza Jazz. Tra le sue allieve famose ci sono Valeria Marini, Antonella Elia, Sabina Stilo, solo per citarne diverse. Ha insegnato danza, inoltre, anche allo studio IARF di Roma.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nathalie Caldonazzo, chi è la mamma Leontine Snell: vita privata

Sposato con Mario Caldonazzo, dopo il divorzio è stata la compagna del regista Dino Risi per quasi quarant’anni. In una vecchia intervista a “Il Centro” ha svelato come si erano conosciuti: “Interpretavo Miss Universo. Non avevo mai fatto cinema, ero molto timida, ma lui mi poggiò una mano sulla spalla e mi rassicurò. Con Dino c’era sempre questo senso di protezione. È stata una bellissima storia, nonostante i 27 anni di differenza. Non ci siamo innamorati subito. Prima siamo stati amici. Quattro anni dopo, una sera l’ho incontrato in un bar a Giannutri“. Poi ha aggiunto: “Stavamo lì a ridere delle mie disgrazie, ci siamo guardati negli occhi e ci siamo innamorati. Io 27 anni, lui 54, era un uomo bellissimo. L’ho sempre amato. Divorziai nel 1978, Dino invece non aveva bisogno di divorziare perché era un uomo libero. Ma una mattina di Natale si presentò alla mia porta con la valigia. Ho lasciato mia moglie, disse. Però non abbiamo mai vissuto insieme, Dino ha abitato per trent’anni nel residence Aldrovandi“.