Laura Biagiotti, la signora della moda italiana raccontata in un docufilm

Un nuovo attesissimo docufilm ricostruisce la vita privata e la carriera professionale di un’icona della moda come Laura Biagiotti. 

E’ Serena Rossi l’attrice-narratrice del docufilm dedicato alla stilista e imprenditrice Laura Biagiotti – L’Aura della moda, il secondo appuntamento del ciclo “Illuminate” che racconta la vita e l’eredità di quattro donne italiane straordinarie, in onda stasera alle 23.05 su Rai 3. Il film, una sorta di “viaggio” tra le stanze della tenuta Biagiotti e i locali dell’Atelier, ricostruisce la vita privata e la carriera professionale di un’icona della moda che ha saputo essere donna di potere e scalare le vette del successo senza però mai perdere le sue capacità di accoglienza e cura materna.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La “favola” di Laura Biagiotti sul piccolo schermo

Il docufilm prende le mosse dagli studio di Laura Biagiotti in archeologia cristiana, passando per le sue prime esperienze nel mondo della moda presso il piccolo atelier della madre Delia, fino alla sua straordinaria ascesa professionale, in una carriera costellata di successi e soddisfazioni. L’intento è quello di raccontare la determinazione e la forza, ma anche la dolcezza, di un’imprenditrice che non ha mai messo in secondo piano la famiglia, a partire dalla scelta di creare il luogo di lavoro accanto alla sua abitazione.

A fare da Cicerone a Serena Rossi nell’esplorazione degli angoli più intimi e privati di casa Biagiotti è Lavinia Biagiotti Cigna, figlia di Laura, che presenta le stanze del castello e commenta il passato straordinario di una madre imprenditrice, pioniera e mecenate. Le riprese del docufilm si spostano poi nell’Atelier Biagiotti, dove a prendere la parola sono diverse personalità a stretto contatto con la stilista: le amiche storiche Silvana Giacobini, Romina Power e Nancy Brilli, mostri sacri del mestiere come Beppe Modenese e Santo Versace e, last but not least, due rappresentanti del mondo dell’arte, Carla Fracci e Vittorio Sgarbi. Chi può non se lo perda.

EDS