Al Baghdadi video, il Pentagono diffonde le immagini del raid – VIDEO

al Baghdadi video
Abu Bakr al Baghdadi video morte FOTO screenshot

Abu Bakr al Baghdadi video morte, in una apposita conferenza stampa il Pentagono svela quanto fatto nel blitz che ha portato all’eliminazione del capo dell’Isis.

In una apposita conferenza organizzata dal Governo Usa, vengono mostrate le immagini del raid che ha portato alla eliminazione di Abu Bakr al Baghdadi, con un video in cui il generale Frank McKenzie spiega come tutto è stato pianificato. McKenzie è il capo del Comando Centrale degli Stati Uniti, e ha parlato dell’operazione pianificata per liquidare il capo dell’Isis. Mentre l’alto ufficiale parla ai giornalisti presenti, alle sue spalle scorrono le immagini del raid. Si vede una sorta di villa dove il terrorista aveva trovato riparo, in quello che era uno dei tanti rifugi raggiunti dai suoi continui spostamenti necessari per non farsi intercettare. La costruzione sorge nella provincia di Idlib, città della Siria settentrionale. I vertici delle forze militari a stelle e strisce riferiscono che due postazioni di ribelli hanno attaccato uno dei mezzi aerei americani coinvolti nel blitz.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Al Baghdadi video, il generale McKenzie: “Non so se abbia davvero pianto ed implorato”

Quanto mostrato lascia vedere la base dei terroristi prima e dopo l’attacco. Nel video su al Baghdadi, il generale McKenzie ha confermato che il terrorista, ricercato numero uno al mondo, si è fatto esplodere in aria uccidendo sé stesso ed alcuni dei suoi figli che erano con lui. I militari statunitensi hanno ucciso anche quattro uomini e due donne. Specificando poi come i figli di al Baghdadi avessero probabilmente meno di 12 anni. Il califfo dell’autoproclamato Stato Islamico è morto in un tunnel senza uscita, sparando diversi colpi di arma da fuoco prima di suicidarsi. Il generale ha poi dichiarato di non poter confermare quanto affermato dal presidente americano, Donald Trump. Quest’ultimo, nell’annunciare la morte di al Baghdadi quattro giorni fa, lo aveva descritto come “morto come un cane mentre piangeva ed implorava i nostri soldati”.