Festa di Halloween finisce in un bagno di sangue: almeno tre morti e nove feriti

Festa di Halloween finisce in un bagno di sangue: almeno tre morti e nove feriti in una villa di Long Beach, in California.

Halloween

Si è trasformata in una carneficina la festa in occasione di Halloween che si stava tenendo in una villa di Los Angeles, nel lussuoso quartiere di Long Beach. In base a quanto riporta il Mirror almeno un uomo armato ha iniziato a sparare all’impazzata lasciando nel giardino della casa tre morti e ferendo altre nove persone presenti alla festa. Il killer è in fuga ed è braccato dalla polizia. Le informazioni sono ancora frammentarie. Pare che l’assassino abbia sparato almeno 30 colpi di arma da fuoco nel tentativo di compiere una strage di massa tra gli invitati al party in maschera.

In base a quanto raccontato dai vicini di casa i primi spari si sono uditi intorno alle 22.45 di ieri sera. I colpi potrebbero essere partiti da un’auto in corsa. I testimoni infatti affermano di aver sentito una macchina accelerare e poi sterzare rumorosamente proprio un istante prima dell’inizio della sparatoria. Alcune persone residenti in zona hanno pensato in un primo momento allo sparo di alcuni fuochi d’artificio.

Halloween, strage alla festa: mistero intorno al movente

L’avvenimento ha fatto pensare ad alcuni ad un movente legato all’avversione che alcuni hanno per la festa di Halloween in quanto celebrazione pagana accostata in un certo modo al satanismo. In Italia uno dei più ferventi oppositori ad Halloween è Don Aldo Bonaiuto, sacerdote esorcista della Comunità Papa Giovanni XXIII che da anni combatte la sua battaglia contro questa festa: “Invece di accendere una candela come si fa nella festa dei Santi, halloween festeggia ciò che di più tragico si possa immaginare e cioè l’incombere sull’umanità delle forze del male che vogliono spegnere proprio quella luce che Cristo ha portato sulla terra. Questa che viene smerciata come innocua mascherata collettiva è la data più importante nel calendario satanico, con annessi riti e, in casi estremi, crimini. In ogni caso veicola valori che si richiamano al paganesimo, dunque, totalmente contrari a quelli cristiani. Sottovalutarlo significa promuoverlo”.

FB