Valsartan, medicinale contro la pressione alta: che cos’è e perché è stato ritirato

Cos’è il Valsartan e perché è stato ritirato dalle farmacie? Ecco tutte le curiosità sul medicinale che aiuta a trattare la pressione alta 

Valsartan

Il Valsartan, utilizzato da solo o in combinazione con altri farmaci, aiuta a trattare la pressione alta. Può inoltre essere utile in caso di insufficienza cardiaca. Tuttavia, non si tratta di una cura in nessuno dei due casi (scompenso cardiaco o ipertensione) perché aiuta semplicemente a tenere la situazione sotto controllo. Inoltre, è un farmaco antipertensivo: agisce bloccando l’azione di sostanze che irrigidiscono i vasi sanguigni, consentendo al sangue di scorrere meglio ed essere pompato in modo più efficiente dal cuore. Viene assunto per via orale sotto forma di compresse. Il trattamento della pressione alta prevede in genere l’assunzione di un’unica dose al giorno. In caso di scompenso cardiaco o infarto deve invece essere assunto due volte al giorno.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Valsartan, medicinale contro la pressione alta: il motivo del ritiro

Nel luglio del 2018 l’Agenzia Italiana del Farmaco ha disposto il ritiro di diversi lotti di farmaci a base del principio attivo valsartan. Ma quale sarebbe il motivo? In effetti, è stato infatti riscontrato un difetto di qualità, per cui, come misura precauzionale, l’AIFA e le altre Agenzie europee hanno così deciso per il ritiro immediato dalle farmacie e dalla catena distributiva di tutte le confezioni interessate.