Venezia, travolgono due ciclisti con l’auto e si fermano per un “selfie”

Gli occupanti della vettura che ha travolto due ciclisti a Vigonovo (Venezia), in attesa dei soccorsi, si sono messi a scherzare posando per un “selfie”.

Si sono messi in posa con l’immancabile pollice in alto, e l’aria soddisfatta, per un ennesimo “selfie” da rilanciare magari via social. Peccato che solo pochi istanti prima avevano travolto due ciclisti con una potente Audi Coupé in fase di sorpasso (contromano). E’ quanto accaduto a Vigonovo, in provincia di Venezia, al confine con la provincia di Padova. I due ciclisti, entrambi di Noventa Padovana, sono stati portati in ospedale dopo il violento impatto, mentre i tre ragazzi che erano a bordo dell’auto che li aveva appena investiti se ne stavano appoggiati al guard rail ridendo e scherzando. Poi, quando un passante ha scattato delle foto, uno dei tre ha alzato le mani in segno di “ok”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La disavventura di due ciclisti vittime dell’incidente (e dei social)

Al volante dell’Audi Coupé in questione c’era un giovane di Cavallino Treporti (Venezia) che, come accennato, in fase di sorpasso ha urtato il gruppo di ciclisti che stava percorrendo in senso opposto la Statale della Riviera del Brenta, scaraventandone a terra due. Mentre questi ultimi venivano portati in ospedale a Dolo (Venezia) dopo il sinistro, il guidatore e altri due passeggeri si sono appoggiati al guard rail di fianco alla carreggiata e poi, quando hanno visto arrivare una fotografa si sono messi in posa, coi pollici alzati e i sorrisi da photo opportunity.

Fortunatamente i due ciclisti investiti non hanno riportato gravi conseguenze: il primo, preso di striscio, è stato medicato e dimesso poco dopo dal nosocomio, mentre per l’altro si è reso necessario il ricovero, ma le sue condizioni non desterebbero preoccupazione. Intanto sul posto si sono recati, per i rilievi e gli accertamenti di rito, la Polizia locale e i Carabinieri di Vigonovo, che commineranno al conducente della vettura una sanzione e la decurtazione di punti dalla patente.

EDS