Nicoletta Sanna, chi è: età, vita privata, storia dell’infermiera sarda

Conosciamo meglio Nicoletta Sanna, la donna cresciuta in orfanotrofio e divenuta infermiera: ecco tutte le curiosità sulla sua vita privata 

Nicoletta Sanna chi è
Screenshot video

Nicoletta Sanna è una delle protagonista della puntata di “Le ragazze” su Raitre. All’età di tre anni salutò la madre al Rifugio Bambin Gesù, a Sassari in viale Mameli visto che i suoi genitori non riuscivano più ad accudirla come ha svelato a “La Nuova Sardegna”: “La giornata iniziava alle 6 del mattino. Ci alzavamo con gli occhi cisposi, dovevamo aprirli con le dita. Dormivamo in grosse camerate senza riscaldamento: sento ancora nelle ossa il freddo delle lenzuola umide che non si scaldavano mai. Eravamo tutte malaticce, presi l’epatite”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Nicoletta Sanna: età, carriera e vita privata

Da piccola la stessa ragazza ha subito grandi privazioni: “Quando le suore ci portavano fuori la domenica, per i funerali delle persone ricche, noi non alzavamo mai lo sguardo da terra e raccoglievamo le gomme che gli altri avevano prima masticato e poi sputato. Ce le passavamo di bocca in bocca, in modo che tutte potessero provare l’emozione di fare le bolle”. Poi ha aggiunto: “Quelle amicizie e quei legami te li porti dietro per sempre. Giocavamo con le carte fatte da noi, ci sfidavamo a palla prigioniera, con la corda, con l’hula hoop di ferro. Eravamo felici con poco”. Da diversi anni è infermiera prima al Policlinico Umberto I di Roma e poi all’Ospedale Santissima Annunziata. Infine, è riuscita anche ad incontrare le sue compagne: “E’ stato straordinario scoprire come quegli anni ci avevano forgiato nel profondo. Il passato di privazioni non ci ha ostacolato. Avevamo fame di giustizia e di sogni, e una volta fuori dal Rifugio, tutte abbiamo ricominciato a vivere”. Si è sposata, ha dei figli e dei nipoti. Ha anche divorziato nel frattempo. Ora è in pensione ma fa ancora prelievi di sangue e trasfusioni a domicilio assistendo i malati oncologici.