Stasera in tv – “Quarto Grado”, le anticipazioni del 25 ottobre

Nuovo appuntamento questa sera, venerdì 25 ottobre, con “Quarto Grado” a partire dalle 21:25: ecco le anticipazioni della puntata

Nuovo appuntamento questa sera, venerdì 25 ottobre, a partire dalle 21:25 con “Quarto Grado” condotto da Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero. In primo piano ci sarà la vicenda di Marco Vannini, il ragazzo di Ladispoli morto a casa della fidanzata Martina Ciontoli, il 17 maggio 2015. Ci saranno nuovi documenti e intercettazioni esclusivi dopo la testimonianza di Davide Vannicola, che ha confermato ai microfoni di Quarto Grado che a sparare sia stato il figlio di Antonio Ciontoli.

Con un comunicato pubblicato sul proprio profilo Facebook lo stesso Davide Vannicola ha rivelato: “Essere ospite venerdì 18.10.2019 della trasmissione televisiva “Quarto Grado” e ritrovarmi, ad un certo punto, a pensare di alzarmi ed andarmene. Dovevo farlo, perché mi aspettavo giornalismo e informazione. Solo a queste condizioni è giusto che io mi esponga in una vicenda tanto grave quanto delicata. Ma a “Quarto Grado” non vi era giornalismo venerdì sera. Ma che cosa era? Un processo a Davide Vannicola? Una gogna mediatica? Non lo so.
So però che si voleva far passare un messaggio chiaro ed inaccettabile: “il fascicolo sulle dichiarazioni di Vannicola è stato archiviato, dunque Vannicola è un bugiardo”. Era scritto da copione? Era programmato? Soprattutto perché tale inaccettabile messaggio?”

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Stasera in tv – “Quarto Grado”, l’altro caso

Successivamente verrà preso in esame il caso di Felice Maniero, l’ex boss della Mala del Brenta, che è stato arrestato per maltrattamenti alla moglie il 18 ottobre. Faccia d’Angelo, vive sotto protezione quale collaboratore di giustizia, ha rivelato al giudice di aver insultato solamente la compagna, senza arrivare alla violenza fisica. Il provvedimento, scattato per l’applicazione del nuovo Codice Rosso, legge introdotta lo scorso agosto, rafforza le tutele processuali delle vittime di reati violenti, con particolare riferimento a quelli di violenza sessuale e domestica.