Trump toglie le sanzioni alla Turchia: “Tregua permanente in Siria”

La Turchia renderà permanente la tregua e Washington toglierà le sanzioni. E’ quanto annunciato dal presidente Usa Donald Trump a proposito degli scontri in Siria. 

Gli Stati Uniti toglieranno le sanzioni alla Turchia, dopo la tregua in Siria che Ankara renderà permanente. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump parlando alla Casa Bianca, precisando però che “se la Turchia non onora i suoi impegni, in particolare sui diritti umani, gli Usa si riservano tuttavia il diritto di imporre sanzioni, inclusi i dazi sull’acciaio e su altri prodotti”. Lo stesso Trump ha poi reso noto che un limitato numero di soldati americani resterà in Siria, nell’area dove c’è il petrolio.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Un piccolo passo avanti dopo il conflitto scatenato dalla Turchia

Lo scorso 14 ottobre Donald Trump aveva firmato il decreto con cui dava il via libera alle sanzioni Usa alla Turchia dopo l’attacco di Ankara contro i curdi nel nord-est della Siria. Le sanzioni interessavano due ministeri turchi (Difesa ed Energia) ed erano state imposte direttamente ai ministri della Difesa, dell’Energia e dell’Interno. Poi, a poco meno di 24 ore dal rinnovo della tregua di 150 ore deciso ieri dal leader russo Vladimir Putin e dal presidente della Turchia Erdogan dopo il loro colloquio a Sochi, la svolta.

La tregua prevede l’impegno da parte delle truppe di Mosca e Ankara a vigilare sul ritiro dei curdi dalla safe zone di 32 km nel nord-est della Siria. Il presidente Usa sembra fiducioso che i curdi rispetteranno il patto sottoscritto dalle due potenze e parlando dalla Casa Bianca afferma che la Turchia “renderà permanente” la tregua. La comunità internazionale, se non altro, ha un motivo in più per sperare in un’evoluzione positiva della vicenda.

EDS