Guardia Costiera greca colpisce barca di migranti: morto bimbo di 3 anni

Guardia Costiera greca colpisce barca di migranti, responsabilità chi chi guidava il barcone secondo le autorità: morto bimbo di 3 anni.

(Dan Kitwood/Getty Images)

Un migrante è morto ucciso mercoledì vicino all’isola greca di Kos. Altri sei sono tra i feriti e due dispersi nella collisione di una nave migrante con una nave di pattuglia della guardia costiera greca. La collisione è avvenuta mentre era ancora buio vicino a quest’isola dell’Egeo, ha detto la guardia costiera greca. Quindi ha aggiunto che la nave migrante trasportava 34 persone e non aveva luci. La vittima del naufragio sarebbe un bambino di appena 3 anni.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa è accaduto: parla la Guardia Costiera greca

I feriti, tra cui una donna incinta e due feriti gravi, e i sopravvissuti sono stati ricoverati in ospedale a Kos. La Grecia è tornata ad essere la porta principale per i migranti verso l’Europa, con flussi aumentati dalla vicina Turchia. Il governo vuole fermezza, con un aumento delle pattuglie per scoraggiare le barche dei migranti. Il primo ministro conservatore Kyriakos Mitsotakis ha dichiarato la scorsa settimana in un discorso che “ondate di rifugiati e migranti economici stanno assediando i paesi europei”.

Mitsotakis, che è salito al potere a luglio, vuole rimandare 10.000 persone in Turchia. Inoltre, vuole accelerare le procedure per i ricorsi dei rifugiati. I funzionari di Kos hanno dichiarato che 31 persone sono state salvate dopo la collisione con l’aiuto di navi private e dell’agenzia europea per la protezione delle frontiere Frontex. In linea di principio non era chiara la causa della collisione, avvenuta prima dell’alba nelle acque rigorosamente sorvegliate del Mar Egeo orientale. La guardia costiera greca lancia un’accusa ben precisa: “La ricerca si concentra su un siriano di 26 anni”.